“Fate qualcosa per Hong Kong”. L’appello di Wong (anche all’Italia)

L’Alta Corte di Hong Kong ha respinto il ricorso dell’attivista pro-democratico Joshua Wong per potere espatriare. Lo riferisce il partito politico di appartenenza di Wong, Demosisto, dal proprio account Telegram. Il 23enne aveva in programma, nelle prossime settimane, un viaggio in sei Paesi europei, tra cui l’Italia, dove era stato invitato dalla Fondazione Feltrinelli, per…

“I curdi non vogliono più uno Stato-nazione”. Dialogo sul Rojava

“I curdi non vogliono più uno Stato-nazione”. Questa è la considerazione che Fabrizio Eva, geografo e docente a contratto all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ripete più volte durante l’intervista ad Agi. La questione turco-siriana, con al centro gli eventi che hanno caratterizzato la zona del Rojava, a maggioranza curda, non riguarda più solo i confini…

Su Epstein, si fa avanti nuova accusatrice: “Che parli il principe Andrea”

All’età di 15 anni subì “abusi sessuali crudeli e prolungati” da parte del finanziere Jeffrey Epstein e ora ha deciso di denunciare il miliardario, morto suicida nell’agosto scorso in carcere, ma per portare avanti la sua istanza ha chiesto al principe Andrea di “deporre come teste”. La donna, apparsa in pubblico sotto lo pseudonimo di ‘Jane…

Malta offre la grazia al ‘mediatore’ dell’omicidio di Daphne Caruana Galizia

Un uomo è stato arrestato e interrogato dalle autorità di Malta col sospetto di essere il ‘mediatore’ tra i mandanti e gli esecutori dell’omicidio della giornalista d’inchiesta Daphne Caruana Galizia. Si tratta di uno sviluppo che i media locali hanno definito “l’inizio della fine” di un caso diventato da subito di interesse internazionale: il sospettato sostiene di…

Una nuova legge potrebbe riaprire i processi contro Michael Jackson

I processi a Michael Jackson riguardo le accuse di violenza sui minori potrebbero essere riaperti. I denuncianti sono ormai noti al pubblico dopo la diffusione del documentario “Leaving Neverland”, al quale hanno affidato la propria delicata testimonianza: James Safechuck e Wade Robson. Ma la scelta del tribunale non ha niente a che vedere con il…

L’ambasciatore cinese a Roma su Hong Kong: “Quale governo al mondo rimarrebbe impassibile?”

Non si possono usare “due pesi e due misure” tra gli stati occidentali e la Cina rispetto alla repressione delle violenze di piazza. E’ questa la posizione espressa all’AGI dall’ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia, Li Junhua, commentando l’attuale situazione di Hong Kong. La narrazione che i media occidentali fanno della ‘repressione’ da parte…

“La gente dimenticherà le accuse a mio marito, Roman Polanski”

In “J’accuse”, il film di Roman Polanski sullo storico caso Dreyfus, il personaggio interpretato da Emmanuelle Seigner si chiama, fatalmente, Pauline Monnier, stesso cognome di Valentine Monnier l’ex attrice francese che ha alzato un polverone sull’uscita in patria del film, provocando con la sua accusa tardiva di stupro (la presunta violenza subita dal regista in…

Israele ha fermato un attacco missilistico dalla Siria

Quattro missili, lanciati dalla Siria verso il nord d’Israele, sono stati intercettati dal sistema difensivo anti-missilistico Iron Dome. Lo ha annunciato l’esercito israeliano. Il Consiglio regionale del Golan, nel nord dello Stato ebraico, ha deciso in seguito all’accaduto di non attuare speciali misure di sicurezza e ha esortato i residenti a mantenere la loro routine.…

Passa il candidato di Orban. Von der Leyen vicina al traguardo

Il candidato di Orban passa a larga maggioranza al Parlamento europeo, incassa il consenso del blocco europeista e di quello sovranista e spinge la Commissione von der Leyen verso il traguardo dell’insediamento il 1 dicembre. Il commissario ungherese Olivér Vàrhelyi, designato per il portafoglio della politica di vicinato e allargamento, ha ottenuto infatti il via…

In Iran la protesta perde intensità. Pasdaran pronti a intervenire

La protesta degli iraniani contro l’aumento del prezzo della benzina e il suo razionamento è più fievole dei giorni scorsi, ma il malcontento resta: a pagarne il prezzo potrebbe essere il governo di Hassan Rohani, più debole nel tradizionale scontro tra moderati e conservatori nel sistema politico della Repubblica Islamica, mentre sembrano essere i pasdaran ad avere il…