Il Golf Des Iles Borromées tra eventi sportivi e programmi futuri

Il Golf Des Iles Borromées tra la ripresa degli eventi sportivi e la voglia di guardare al futuro. Si è svolta domenica 18 luglio...

Professioni, allo Studio Esterino Cafasso di Napoli il riconoscimento Le Fonti Awards 2021

Lo Studio Esterino Cafasso è risultato vincitore dell’ambito premio Le Fonti Awards 2021 come Studio Professionale dell’Anno per la categoria Diritto del Lavoro e...

“In giro per Napoli. Un verso per ogni vicolo”: il libro d’esordio di Floriana Frega

Il Comune di Napoli nel convento di San Domenico Maggiore, Sala del Capitolo, ha ospitato l’evento di presentazione del libro “In giro per Napoli....

Ad Arpino (Frosinone) una scuola a misura di bambino

Si aprono le porte dell'asilo nido "Pippuntella" di Arpino (Fr). L'appuntamento è per martedì 29 giugno alle ore 18 in località Panaccio per l'open...

Nasce l’Associazione Circoli Nautici della Campania

I circoli nautici, le sezioni della Lega Navale Italiana della Campania e Associazione Medici Sportivi si sono costituiti in associazione lo scorso 8 aprile...

Nieddu: “La Sardegna non andrà in zona gialla”

CAGLIARI – “Chiariamo una volta per tutte che la Sardegna non andrà in zona gialla. Sono tutti convinti che con il raggiungimento del 10% di terapie intensive il passaggio sia automatico, non è così”. A ribadirlo è l’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu, parlando con i giornalisti prima della riunione della commissione Salute del Consiglio…

La Torre: “L’oro di Jacobs? Solo chi non lo conosce può avere dubbi”

Dalla nostra inviata Erika Primavera TOKYO – “Ho letto cosa scrivono alcuni giornalisti stranieri: non sta scritto da nessuna parte che il vincitore dei 100 metri delle Olimpiadi debba essere per forza americano o anglosassone. Soltanto chi non conosce il percorso di Marcell e la maniacalità dei suoi allenamenti può avere qualche dubbio”. Così il…

Il Canada accoglierà tre atleti del team rifugiati di Tokyo 2020

ROMA – Il Canada è il primo Paese a decidere di accogliere tre degli atleti della squadra dei 29 rifugiati presente alle Olimpiadi di Tokyo 2020 grazie a un programma congiunto tra il Comitato internazionale olimpico (Cio) e l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr). Tre corridori mezzofondisti sudsudanesi – Paulo Amotun Lokoro, Nathike Lokonyen…