“Rivolgo un appello a vaccinarsi. Non esiste altra via per uscire dall’emergenza” 

Lo ha detto Vincenzo Santagada all’hub vaccinale di piazza Vittoria

“I farmacisti tra le espressioni più tangibili dello slancio verso la completa eliminazione del covid, sono forze in campo senza sosta dagli esordi dell’ epidemiologia. La loro audacia non si risparmia neppure ora che speriamo di essere alle ultime battute della lotta al virus.
Rivolgo un appello a chi non si è vaccinato a farlo al più presto, poiché non esiste altra via per uscire al più presto da questa tragica emergenza”, dichiara Vincenzo Santagada Presidente Ordine Farmacisti Napoli e assessore alla Salute del Comune intervenuto stamane con il sindaco Gaetano Manfredi e con il presidente di Federfarma Napoli Riccardo Iorio alla presentazione dell’hub vaccinale allestito dalla farmacia Petrone in piazza Vittoria.
Inoculata la dose di vaccino numero 100.000 somministrata nelle farmacie di Napoli e provincia“.

Desideri: “Notificata la diffida per Impegno Civico a Di Maio e Tabacci”

ROMA – “Ieri i nostri avvocati hanno notificato, presso gli uffici ministeriali, dopo la presentazione del simbolo di Impegno Civico, a Di Maio e Tabacci, formale diffida a presentare le liste di Impegno Civico, comunicando inoltre agli stessi che in caso di presentazione delle liste sarà immediatamente presentato ricorso nei termini di legge. Speriamo sinceramente…

Afghanistan, Kamal Fakhruddin: “Quanti errori, ora è il baratro”

ROMA – È stata una storia segnata da “tanti errori e da scelte amare”, sia da parte della Nato che del Governo afghano, quella che è culminata con l’ingresso a Kabul e la presa del potere da parte dei talebani il 15 agosto 2021. Adesso, con i miliziani alla guida del Paese, l’orizzonte sembra essere…

L’Afghanistan a un anno dalla presa dei talebani. Il racconto di Fondazione Pangea Onlus

ROMA – “Del 15 agosto di un anno fa ricordiamo tutto: l’ansia, la paura, le decisioni difficili e fondamentali da prendere, in poco tempo. La priorità di Pangea è stata proteggere le attiviste e le beneficiarie di vent’anni di lavoro in Afghanistan. Abbiamo bruciato i documenti, bloccato l’ufficio di Kabul ed evacuato il personale. Poi…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: