La dolce ala della giovinezza in scena al Teatro Delle Arti di Salerno

Secondo appuntamento della stagione teatrale con Elena Sofia Ricci e Gabriele Anagni

Secondo appuntamento sabato 11 dicembre alle ore 21 e domenica 12 dicembre alle ore 18,30 con la stagione teatrale del Teatro Delle Arti di Salerno. Secondo appuntamento che vedrà come protagonisti Elena Sofia Ricci (che per la terza volta si misura con Tennessee Williams, dopo Estate e fumo e dopo I blues con tre testi tratti dagli American blues di Williams) e Gabriele Anagni, oltre ad altri sei giovani attori, che proporranno “La dolce ala della giovinezza” di Tennessee Williams, tradotto da Masolino D’Amico, con le musiche di Stefano Mainetti, per la regia di Pier Luigi Pizzi e la produzione di “Fondazione Teatro della Toscana, Best Live”.

Scritta nel 1952 e debuttata a Broadway nel 1959, dove rimase in cartellone per ben 42 settimane, “La dolce ala della giovinezza” parla del gigolo Chance Wayne che torna nella sua città natale in Florida con la star in declino Alexandra Del Lago per cercare di riprendersi quello che aveva lasciato nella sua giovinezza, Heavenly, il suo primo amore.

Lo spettacolo, il cui tema centrale è quello della giovinezza che purtroppo svanisce troppo velocemente, come i sogni, le ambizioni, le speranze, le occasioni e le aspettative che quest’età ha, è una rivisitazione di alcuni temi, spesso trattati dall’autore dell’opera, come ad esempio la perdita dell’innocenza, i vizi nascosti di una borghesia provinciale e malata, ed ancora l’ipocrisia, e tanto altro ancora.

“La proposta del Teatro della Toscana di pensare a un progetto di regia per “La dolce ala della giovinezza” è stato di grande stimolo – spiega il regista Pier Luigi Pizzi – e dopo un’attenta lettura, ho accettato, forte del fatto che avrei avuto la presenza nel cast, di Elena Sofia Ricci, nel ruolo della protagonista.

Come d’abitudine il mio progetto comprende l’ambientazione e i vestiti. Williams ha una straordinaria abilità a costruire personaggi femminili al limite del delirio, sul bordo dell’abisso. – conclude il regista – Alexandra del Lago, star del cinema in declino, non più giovanissima, alcolizzata e depressa, in fuga da quello che crede un insuccesso del suo ultimo film, cerca un rimedio alla solitudine nelle braccia di un gigolò, giovane e bello, un attore fallito in cerca di rilancio, ma destinato ad una triste fine, una volta che ha perduto il suo unico bene, la gioventù. Ma Williams, da grande drammaturgo è capace sempre di stupirci”.
I biglietti per assistere allo spettacolo si possono acquistare presso il botteghino del Teatro Delle Arti di Salerno.
DIALOGO PRIMA DELLA PRIMA con Elena Sofia Ricci
Incontro con il pubblico
Sabato alle ore 19, con ingresso gratuito (fino ad esaurimento posti) al Teatro Delle Arti si terrà il secondo appuntamento con “Dialogo Prima della Prima”. Elena Sofia Ricci incontrerà e dialogherà con il suo pubblico. L’incontro sarà moderato dalle giornaliste Monica De Santis ed Olga Chieffi.

L’ingresso in teatro è consentito solo ai possessori del super green pass ed è obbligatorio l’uso della mascherina.

Brucellosi, Rostan (FI): “Bloccare abbattimenti indiscriminati” Presentata interrogazione al ministro Speranza

“Bisogna porre fine agli abbattimenti indiscriminati e massivi delle bufale mediterranee che avvengono per sospetta brucellosi o Tbc Bovis e hanno portato, in Campania,...

Sindrome di Down, Barone alla Dire: “Dall’Italia ulteriori passi avanti”

ROMA – A dicembre 2021 il professore di biochimica dell’Università Sapienza di Roma, Eugenio Barone, aveva illustrato alla Dire i risultati di uno studio in grado di misurare le alterazioni del segnale dell’insulina nel cervello delle persone con sindrome di Down. A distanza di sei mesi l’agenzia è tornata a confrontarsi con l’esperto su questa…

Cannabis e ius scholae agitano il governo, l’esame alla Camera slitta alla prossima settimana

ROMA – L’Aula della Camera ha approvato il rinvio alla prossima settimana di tutti i provvedimenti all’ordine del giorno, tra i quali quelli sulla cannabis, per la legalizzazione della coltivazione e detenzione da parte di maggiorenni e per uso personale di massimo quattro piante femmine, e sullo Ius scholae per la concessione della cittadinanza ai…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: