Occhiuto: a rigassificatore Gioia Tauro manca dichiarazione governo

Presidente Calabria: “Solo quella poi il via ai lavori”

Roma, 16 nov. (askanews) – “Quello di Gioia Tauro è un rigassificatore che ha tutte le autorizzazioni valide, manca solo la dichiarazione del Governo che lo qualifichi come un’opera strategica e i lavori possono cominciare. Si tratta di risorse private che metterebbero in campo Iren e Sorgenia, circa un miliardo e mezzo utili a costruire un’infrastruttura strategica. Il rigassificatore di Gioia Tauro avrebbe una capacità tale da poter produrre un terzo del gas che prima importavamo dalla Russia. E’ un’opera strategica perché non è detto che debba funzionare sempre a pieno regime. Mi auguro che ci sia un investimento sulle rinnovabili tale da portare il nostro Paese a produrre tutta l’energia dalle rinnovabili, ma se così non fosse, il rigassificatore può funzionare per così dire a fisarmonica in maniera tale da rendere il nostro Paese energeticamente indipendente. Io lo voglio perché connesso al rigassificatore c’è l’investimento sulla piastra del freddo che serve a rigassificare, ma serve anche a surgelare i prodotti e io potrei costituire nell’area retroportuale di Gioia Tauro il più grande distretto dell’agroalimentare, ci sarebbe una piastra del freddo capace di surgelare la metà dei prodotti surgelati che oggi si consumano in Europa”. Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente Regione Calabria, a 24 Mattino su Radio 24.

VIDEO | Al Lago di Ledro dopo due anni torna il Tuffo della Merla, è un successo

BOLOGNA – "Ci sono solo 5 gradi, niente di che". Questa frase riassume bene lo spirito ‘pazzo’ e temerario alla base del tradizionale "tuffo della merla" nelle acque (solitamente ghiacciate) del lago di Ledro negli ultimi giorni di gennaio. L’iniziativa, che in Trentino Alto Adige ha una storia ormai consolidata, è andata in scena nuovamente

Il Papa in partenza per il Congo, l’appello: “C’è un buco nero dell’informazione, il mondo apra gli occhi”

ROMA – Rompere il silenzio sui conflitti armati in Congo, un Paese vittima della propria stessa ricchezza, coltan, cobalto e "terre rare", sulle quali vogliono mettere le mani governi e multinazionali dell’industria elettronica: è l’appello che arriva da Roma, a pochi giorni dalla visita apostolica a Kinshasa di Papa Francesco. Le voci sono quelle di

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen. (askanews) - E' morto Ludovico Di Meo, giornalista con una lunga carriera in Rai, direttore generale di San Marino Rtv. Così il sito dell'emittente ha comunicato la notizia: "Una notizia che sconvolge la San Marino Rtv. Questa mattina, a Roma, è morto il direttore generale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: