Lavoro, De Lise (commercialisti): con scomparsa agevolazioni contributive a rischio tessuto economico del Paese

“La mancata programmazione politica rischia di vanificare le norme di politica attiva del lavoro e di non garantire un futuro a strumenti di grande importanza per il tessuto economico italiano.

Il prossimo 30 giugno, infatti, scompariranno le agevolazioni contributive per favorire l’inserimento all’occupazione di giovani e donne, così come la decontribuzione prevista inizialmente per il Mezzogiorno fino al 2029.

Strumenti che cesseranno in maniera anticipata rispetto al termine previsto dalla legge di Bilancio, in attesa della normativa europea, provocando un quadro di grande difficoltà per la programmazione aziendale.

Dal prossimo luglio, gli imprenditori si vedranno costretti a rimodulare l’intero programma occupazionale e i piani finanziari, a ridosso delle scadenze”.

Lo afferma Matteo De Lise, presidente Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

“Riteniamo che tali agevolazioni, visto anche il periodo di grande difficoltà, dovrebbero quanto meno essere stabilizzate nel medio periodo: c’è bisogno di sostegno concreto per le imprese”, evidenzia De Lise.

“Invece, dal ministero del Lavoro non sono arrivate comunicazioni relative agli iter autorizzativi previsti dalla normativa europea che entrerà in atto, impedendo di fatto agli operatori economici di comprendere tempistiche ed eventuali prospettive di organizzazione aziendale.

Chiediamo alle istituzioni di avviare un dialogo per la creazione di uno strumento di comunicazione bidirezionale, atto a supportare pubblica amministrazione, imprese e dottori commercialisti nella gestione delle politiche attive del lavoro”.

Desideri: “Notificata la diffida per Impegno Civico a Di Maio e Tabacci”

ROMA – “Ieri i nostri avvocati hanno notificato, presso gli uffici ministeriali, dopo la presentazione del simbolo di Impegno Civico, a Di Maio e Tabacci, formale diffida a presentare le liste di Impegno Civico, comunicando inoltre agli stessi che in caso di presentazione delle liste sarà immediatamente presentato ricorso nei termini di legge. Speriamo sinceramente…

Afghanistan, Kamal Fakhruddin: “Quanti errori, ora è il baratro”

ROMA – È stata una storia segnata da “tanti errori e da scelte amare”, sia da parte della Nato che del Governo afghano, quella che è culminata con l’ingresso a Kabul e la presa del potere da parte dei talebani il 15 agosto 2021. Adesso, con i miliziani alla guida del Paese, l’orizzonte sembra essere…

L’Afghanistan a un anno dalla presa dei talebani. Il racconto di Fondazione Pangea Onlus

ROMA – “Del 15 agosto di un anno fa ricordiamo tutto: l’ansia, la paura, le decisioni difficili e fondamentali da prendere, in poco tempo. La priorità di Pangea è stata proteggere le attiviste e le beneficiarie di vent’anni di lavoro in Afghanistan. Abbiamo bruciato i documenti, bloccato l’ufficio di Kabul ed evacuato il personale. Poi…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: