Schiano di Visconti: “L’accordo firmato dalla Gesac discrimina i lavoratori che assistono figli e familiari disabili”

Il capogruppo regionale di FdI ha presentato un’interrogazione che verrà discussa nel Question Time

”La Gesac s.p.a., che gestisce gli aeroporti di Napoli e di Salerno, ha firmato un accordo con i sindacati cosiddetti rappresentativi con il quale vengono penalizzati i lavoratori e le lavoratrici che, secondo le leggi vigenti, fruiscono di permessi per assistere i propri figli o i propri familiari disabili o che si  infortunano sul lavoro.

Su questa grave discriminazione sociale e salariale, degna di paesi come la Cina, abbiamo chiesto chiarimenti al Presidente della Giunta regionale con un’interrogazione che sarà discussa in Consiglio regionale nel prossimo Question Time”.

E’ quanto afferma il capogruppo regionale di Fdi, Michele Schiano di Visconti.

“Come denunciato dal sindacato Cnal Trasporti, tali lavoratori vengono esclusi dal beneficio della “indennità mensile” mentre vengono “salvaguardati” coloro che fruiscono di permessi sindacali” – sottolinea Schiano – in questo modo mettendo in campo una grave discriminazione sociale e salariale a danno di tali lavoratori ed una grave violazione delle leggi nazionali vigenti in materia di assistenza della prole e dei disabili.

Per questo – conclude il capogruppo di Fratelli d’Italia – chiediamo che si intervenga per fermare tale iniziativa gravemente lesiva delle leggi vigenti in materia e per garantire il pieno rispetto e le piene tutele di tutti i lavoratori dipendenti di Gesac nel quadro delle vigenti leggi nazionali e dello Statuto della Regione Campania”.                                                                                            

E Sgarbi parla via Facebook: “Il silenzio elettorale? Una grande stronzata”

BOLOGNA – “Il silenzio elettorale è una grande stronzata”. Parola di Vittorio Sgarbi, parlamentare uscente e candidato del centrodestra nell’uninominale di Bologna per il Senato, che alla vigilia del voto per le politiche interviene via Facebook e pubblica o rilancia sulla propria pagina i video-messaggi realizzati in suo sostegno da diversi volti noti. LEGGI ANCHE:

In India tempesta perfetta su scuola e case famiglia ‘made in Bologna’

BOLOGNA – Travolti dal “disastro perfetto”. La pandemia prima, la guerra poi e ora inflazione e stangata sulle bollette si sono abbattute su scuole e case famiglia attive in India ma ‘Made in Bologna’. È dal 1996 che un’organizzazione di Bologna, Namaste, opera in due Stati del sud del paese asiatico, Kerala e Tamil Nadu

La rabbia degli iraniani in piazza a Bologna: “Non lasceremo morire i nostri fratelli”

BOLOGNA – Cantano a squarciagola “azadi azadi azadi”, cioè “libertà” in persiano. Urlano “donna vita libertà”, “abbasso il dittatore” e “freedom for Iran”. Sono le iraniane e gli iraniani che oggi hanno manifestato a Bologna contro la morte di Mahsa Amini (la 22enne deceduta dopo essere stata arrestata a Teheran perché non indossava correttamente il
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: