Coppa Davis, Sonego: “Contro Tiafoe una delle mie partite migliori”

Il tennista azzurro: match perfetto. E Panatta critica l’americano

Malaga, 24 nov. (askanews) – Sedici aces, 72 punti, 16 vincenti. Una partita perfetta quella di Lorenzo Sonego contro l’americano Frances Tiafoe nel primo match delle Davis Cup Finals, a Malaga. In un’ora e 47, l’azzurro – numero due del team azzurro subentrato dopo l’infortunio di Sinner e Berrettini – ha battuto lo statunitense 6-3/7-6.

“Ho cercato di comandare, di essere aggressivo e di anticiparlo – ha detto Sonego in conferenza stampa – l’obiettivo era di comandare. Sono entrato molto convinto. La Davis è un tipo di esperienza diversa dai tornei – ha aggiunto l’azzurro – sulla carta è un conto, sul campo è un altro”.

Il Palacio de Deportes Josè Martin Carpena si è colorato di azzurro. Tantissimi i tifosi italiani arrivati nella città dell’Andalusia per sostenere il tam capitanato da Filippo Volandri. “Oggi è stato come giocare a casa – ha commentato Sonego – avevo tanta carica, ho cercato di sfruttare il pubblico. Ho mantenuto un livello molto alto e sono riuscito ad uscire da una situazione molto difficile anche grazie al servizio. Sono contento”.

Con la vittoria di Sonego su Tiafoe l’Italia si porta dunque sull’1-0. “Lorenzo è stato molto aggressivo, ha servito molto bene, è stata una partita dura”, ha commentato lo statunitense. Che prima dell’inizio del match è stato anche criticato dall’ex campione azzurro, Adriano Panatta, perché – durante l’esecuzione dell’inno americano – non ha tolto le cuffie dall’orecchio. “Un gran maleducato”, ha commentato Panatta.

Foto di Brigitte Grassotti

Rebellin, il ciclismo piange il campione

Da Nibali a Cipollini il ricordo dei protagonisti del pedale Roma, 30 nov. (askanews) - La tragica morte di Davide Rebellin ha sconvolto il mondo del ciclismo. "Rimango tremendamente scioccato nell'apprendere questa triste notizia. Che la terra ti sia lieve, R.I.P. Davide", ha commentato sui social Vincenzo Nibali, a lungo suo compagno di nazionale. Poi

Mattarella rinsalda rapporti con Svizzera, siamo amici profondi. Stoppare cervelli in fuga

A Politecnico Zurigo incontra studenti e ricercatori italiani: dobbiamo offrirgli prospettive Zurigo, 30 nov. (askanews) - Oltre 110mila tra studenti e ricercatori italiani studiano e lavorano nel Politecnico di Zurigo, eccellenza della tecnologia nel cuore dell'Europa. E' qui che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha scelto di concludere la sua visita di Stato in

Occhiuto: in Calabria con me tolleranza zero su reati ambientali

"Difesa del suolo e lotta all'abusivismo in cima all'agenda politica" Roma, 30 nov. (askanews) - "Da un anno a questa parte, nella mia Regione, da quando mi sono insediato c'è tolleranza zero sui reati ambientali, non solo quelli relativi all'abusivismo ma anche quelli relativi alla mala depurazione, quelli relativi agli incendi boschivi. Per la prima
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: