VIDEO | Oggi il test di medicina per 65 mila candidati, gli aspiranti medici: “No al numero chiuso”

video-|-oggi-il-test-di-medicina-per-65-mila-candidati,-gli-aspiranti-medici:-“no-al-numero-chiuso”

ROMA – Testa bassa, lo sguardo fisso sullo schermo del telefono per registrare un messaggio vocale. “Mamma ho finito, spero sia andato bene”. Oggi è il giorno del test di accesso alle facoltà di Medicina e Chirurgia, l’appuntamento annuale tanto temuto e allo stesso tempo desiderato per gli aspiranti medici.

15.800 POSTI PER 65 MILA CANDIDATI

Quest’anno i posti in tutta Italia sono 15.876 e 65.378 gli iscritti al test. Alla Sapienza di Roma, hanno svolto il test più di 4mila candidati. Il più giovane è nato nel 2005, il più anziano, nel 1945. Le donne che hanno partecipato al test sono più del doppio degli uomini (2890 candidate per 1301 candidati), e infatti, nel piazzale della città universitaria, si incontrano per lo più ragazze. Giorgia è soddisfatta e non ha trovato il test difficile. “L’ho trovato onesto”, dice all’agenzia Dire. Chiara ritiene che il maggior numero di domande di area scientifica abbia reso il test più facile per chi ha studiato. “Era difficile, ma fattibile”, commenta.

MENO CULTURA GENERALE E PIÙ DOMANDE SCIENTIFICHE

Quest’anno, infatti, il test di accesso è cambiato: più attenzione alle materie disciplinari e meno a logica e cultura generale. La nuova ripartizione della prova di selezione prevede il 15% del test per quiz di ragionamento logico, ragionamento numerico e humanities. La restante percentuale del test è attribuita alle materie disciplinari (biologia, chimica, fisica e matematica). Per la prova di ammissione i candidati hanno risposto a 60 quesiti a risposta multipla (sono 5 le opzioni di risposta previste). Il tempo a disposizione era di 100 minuti e il punteggio massimo previsto è di 90 punti. Difficoltà riscontrate soprattutto in matematica e fisica, mentre biologia e chimica “erano fattibili”, dice Lorenzo.

PROTESTE E SIT IN CONTRO IL NUMERO CHIUSO

Davide prova il test per la seconda volta. “Con più quesiti di biologia, la selezione è più meritocratica. Ma i posti sono troppo pochi rispetto al numero di persone che prova ad entrare”. Fuori dai cancelli dell’Università, da questa mattina si accendono proteste e sit in contro il numero chiuso. Eppure gli stessi studenti non vorrebbero eliminarlo del tutto, ma rimodularlo. “è giusto fare una selezione, ma durante l’anno, non prima”, dice un ragazzo.

“Bisognerebbe facilitare chi vuole fare medicina, ma capisco che aprire la facoltà a tutti, sarebbe difficile da fare. Si potrebbe iniziare a farlo in modo graduale”, propone una studentessa. “Mettete dei limiti nel corso degli anni o uno sbarramento al primo anno basato sulla media- sostiene una candidata- Ma almeno dateci la possibilità di frequentare la facoltà che vogliamo, il test è sbagliato”. “Vorrei ci fossero più posti”, dice Francesca. Per Maria “è sbagliato togliere un’opportunità a una persona ancor prima di averci provato”.

Ma per tutti, il test di accesso non è un ostacolo che frena la passione per la medicina. “Continuerò a provarci fin quando non riuscirò ad entrare”, dice una ragazza. Aiutare gli altri, indossare il camice, per la maggior parte dei giovani intervistati è il sogno di una vita. “È da quando sono alle elementari che a chi mi chiedeva cosa volessi fare da grande, rispondevo: il medico”, dice Giorgia. Andrea è più concreto: “È un giusto compromesso tra ciò che mi piace fare e un lavoro economicamente ben retribuito”. Per Gabriele, invece, i soldi non c’entrano: “Non si fa medicina per guadagnare, è una cosa più intima, emotiva”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo VIDEO | Oggi il test di medicina per 65 mila candidati, gli aspiranti medici: “No al numero chiuso” proviene da Ragionieri e previdenza.

VIDEO | Al Lago di Ledro dopo due anni torna il Tuffo della Merla, è un successo

BOLOGNA – "Ci sono solo 5 gradi, niente di che". Questa frase riassume bene lo spirito ‘pazzo’ e temerario alla base del tradizionale "tuffo della merla" nelle acque (solitamente ghiacciate) del lago di Ledro negli ultimi giorni di gennaio. L’iniziativa, che in Trentino Alto Adige ha una storia ormai consolidata, è andata in scena nuovamente

Il Papa in partenza per il Congo, l’appello: “C’è un buco nero dell’informazione, il mondo apra gli occhi”

ROMA – Rompere il silenzio sui conflitti armati in Congo, un Paese vittima della propria stessa ricchezza, coltan, cobalto e "terre rare", sulle quali vogliono mettere le mani governi e multinazionali dell’industria elettronica: è l’appello che arriva da Roma, a pochi giorni dalla visita apostolica a Kinshasa di Papa Francesco. Le voci sono quelle di

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen. (askanews) - E' morto Ludovico Di Meo, giornalista con una lunga carriera in Rai, direttore generale di San Marino Rtv. Così il sito dell'emittente ha comunicato la notizia: "Una notizia che sconvolge la San Marino Rtv. Questa mattina, a Roma, è morto il direttore generale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: