Lavoro, De Lise (Unione giovani commercialisti): “No tax area per gli under 30”

lavoro,-de-lise-(unione-giovani-commercialisti):-“no-tax-area-per-gli-under-30”

REGGIO CALABRIA – “Una no tax area per i giovani di età inferiore ai trent’anni. Una fascia di esenzione ai fini Irpef per tutti i redditi generati da lavoratori under 30 (dipendenti, autonomi e di impresa, anche occasionali), pensata con un limite temporale di 5-10 anni: sarebbe un importante incentivo fiscale e garantirebbe una sorta di ‘equità orizzontale’. È questa la proposta dell’Unione giovani commercialisti per rilanciare l’economia dell’Italia e permettere alle nuove generazioni di guardare finalmente al futuro con serenità. Un progetto che presto approderà in Parlamento per diventare una proposta di legge e che inaugura un nuovo ciclo per la categoria, che vuole essere protagonista della ripresa economica con proposte concrete”. Lo ha detto Matteo De Lise, presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili, aprendo il Congresso nazionale 2021 dell’Unione, dal titolo “I giovani commercialisti protagonisti della ripartenza, tra ripresa economica e presidio di legalità”.”Ci auguriamo – ha poi concluso De Lise – che il Congresso possa essere il primo passo verso la rinascita della professione. Ma per riuscirci c’è bisogno di unità, di regole certe e di un cambio di marcia per quanto riguarda la governance dei commercialisti: occorre azzerare e ripartire”.È toccato, poi, a Francesco Savio (giunta nazionale Ungdcec), e a Claudio Siciliotti (past president del Consiglio Nazionale dei dottori commercialisti), che ha contribuito alla redazione della proposta di Legge, esporne gli aspetti tecnici e le finalità: “L’obiettivo primario è agevolare e incentivare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, garantendo loro un’autonomia finanziaria e incentivando, di conseguenza, i consumi e – perché no – l’emersione di quella base imponibile oggi ‘sommersa’. Come ulteriore aspetto positivo, la misura proposta farebbe da argine alla fuga all’estero dei nostri migliori talenti. Trasformare l’enorme giacimento di capitale umano giovanile presente nel nostro Paese, largamente inutilizzato, in un fattore di sviluppo, competitività e benessere sociale è più che mai urgente”.La giornata è stata aperta dall’intervento di Francesco Caridi, presidente del comitato organizzatore del Congresso Ungdcec, che ha sottolineato come “puntare sulle nuove leve sia una necessità per uscire dalla crisi. La ripartenza passa dai giovani. Siamo orgogliosi di aver organizzato questo Congresso in Calabria, dopo i necessari rinvii dovuti all’emergenza sanitaria”.

Ha introdotto i saluti istituzionali il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, per il quale “i giovani commercialisti hanno dimostrato, in maniera concreta, l’efficienza e la passione per il loro lavoro, organizzando il primo congresso in presenza dopo la pandemia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Lavoro, De Lise (Unione giovani commercialisti): “No tax area per gli under 30” proviene da Ragionieri e previdenza.

A Bruxelles si scatena la violenza no vax: aggredito giornalista della Dire

BRUXELLES – Si è conclusa con 70 arresti e diversi feriti tra manifestanti e agenti di polizia la manifestazione contro le misure anti-Covid, che si è svolta a Bruxelles domenica 23 gennaio. Diversi i danni, tra cui la distruzione dell’ingresso della sede del Servizio di azione esterna dell’Ue nel quartiere europeo della capitale belga. Tra…

Sondaggio Tecnè: cresce del 7% la spesa degli italiani per il consumo di beni e servizi

ROMA – Gli italiani tornano ad aprire il proprio portafogli e a riempire il carrello della spesa di beni e servizi. Dopo una contrazione pari a -12% registrata nel 2020, nel 2021 la spesa media mensile delle famiglie, al netto del computo degli affitti figurativi, fa registrare una crescita pari a +7%, percentuale che corrisponde…

Diciottenne morto durante lo stage, Rete ATI Friuli: “Lorenzo non era in alternanza scuola-lavoro”

ROMA – “Quello che stiamo vivendo è un dramma. Un dramma devastante che meriterebbe però un po’ di consapevolezza in più. Forse servirebbe tenere i toni più bassi, e prima di criticare dei modelli bisognerebbe conoscerli. L’alternanza scuola lavoro non c’entra nulla. Quello che frequentava Lorenzo era un Centro di Formazione Professionale”. Gabriele De Simone,…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: