Gli animalisti contro la giunta Bonaccini: “Gasare gli scoiattoli grigi non è da Regione civile”

gli-animalisti-contro-la-giunta-bonaccini:-“gasare-gli-scoiattoli-grigi-non-e-da-regione-civile”

Gli animalisti prendono carta e penna e scrivono al governatore Stefano Bonaccini e agli assessori coinvolti, esortandoli “a rivedere la decisione e a prendere in considerazione metodi meno cruenti che sono stati già sperimentati con successo in altri posti, tra cui la vicina Liguria”. Nel piano di eradicazione della specie nordamericana, infatti, la Regione prevede di catturare gli esemplari con gabbie-trappole e ucciderli con l’anidride carbonica.

“Se da un lato le intenzioni sono sicuramente buone, non si può certamente dire lo stesso per quanto riguarda il metodo scelto dalla Regione- commenta Piera Rosati, presidente di Lndc Animal Protection- è giusto tutelare l’ecosistema e la fauna locale, ma la decisione di uccidere gli scoiattoli grigi catturati con l’anidride carbonica è crudele, insensata e indegna di un Paese e di una Regione civile. Non si può stare a guardare”.

La presidente di Lndc ricorda che “esistono metodi meno cruenti e perfettamente applicabili per limitare gli eventuali danni causati da questi animali, già sperimentati nel Regno Unito e in Liguria, dove non molto tempo fa è stato avviato un progetto che prevede la cattura degli scoiattoli grigi ma senza l’abbattimento”. Gli animali infatti “vengono sterilizzati e poi liberati in altre zone”. Secondo Rosati, dunque, “non è comprensibile né accettabile che una Regione moderna come l’Emilia-Romagna abbia deciso di ricorrere allo sterminio di questi animali, anziché prendere in considerazione metodi alternativi che sono già disponibili ed efficaci. Ho chiesto quindi al presidente e agli assessori di tornare sui loro passi e agire in maniera più rispettosa della vita”.

LEGA: “NO ALLO STERMINIO CRUENTO, MEGLIO STERILIZZARE GLI ANIMALI”

“Siamo d’accordo che si debba prevenire l’espansione della specie. Ma l’intervento deve rispettare gli animali tutelando la loro vita e il loro benessere” rincara la Lega. Il Carroccio è d’accordo con l’obiettivo di tutela del territorio, ma contesta le modalità scelte per eliminare gli animali. “Stop al massacro dello scoiattolo grigio- dicono i consiglieri regionali della Lega Matteo Rancan, Daniele Marchetti, Simone Pelloni, Fabio Bergamini e Valentina Stragliati- la Giunta Bonaccini ha sentenziato l’uccisione di centinaia di animali in maniera cruenta. In poche parole gli scoiattoli verranno rinchiusi in contenitori ermetici e gasati. Siamo d’accordo che sia assolutamente necessario prevenire l’espansione della specie, ma l’intervento deve rispettare gli animali tutelando la loro vita e il loro benessere”.

I leghisti chiedono dunque alla Regione di valutare “soluzioni alternative per prevenire l’espansione di questa specie, pericolosa per il nostro territorio”, prendendo ad esempio l’esperienza del Regno Unito. “Lì si è deciso di risolvere il problema in modo incruento- sottolinea il Carroccio- con la sterilizzazione attraverso un farmaco orale somministrato con una crema alle nocciole. Basterebbe aprire un tavolo di dialogo tra gli enti preposti al controllo e le associazioni animaliste”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Gli animalisti contro la giunta Bonaccini: “Gasare gli scoiattoli grigi non è da Regione civile” proviene da Ragionieri e previdenza.

Schiano di Visconti: “No ad assunzioni di parenti dei consiglieri in tutti gli uffici regionali”

“Vittoria del centrodestra e soprattutto di Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale con l’adozione da parte dell’ufficio di presidenza del nuovo provvedimento normativo che estende...

Covid, in Giappone gli esperti confermano: “Omicron più contagiosa ma sintomi più lievi”

FUKUOKA – Secondo l’Istituto nazionale del Giappone per le malattie infettive, “le persone infette dalla variante omicron del coronavirus mostrano la tendenza a manifestare sintomi lievi o assenti, sebbene l’infettività della variante sia più forte di quella della variante delta, che sta rapidamente rimpiazzando dovunque”. “Il rischio che le persone sviluppino sintomi gravi dopo essere…

Myanmar, Aung San Suu Kyi condannata a 4 anni al primo processo

ROMA – Un tribunale del Myanmar ha condannato oggi a quattro anni di reclusione Aung San Suu Kyi, la premio Nobel per la pace, alla guida dalla fine degli anni Ottanta del movimento che si oppone all’autoritarismo dei militari. A darne notizia è stato il portavoce della giunta che l’1 febbraio scorso ha rovesciato le…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: