Dieci anni fa la strage di Utoya, la premier norvegese: “Superare l’odio”

dieci-anni-fa-la-strage-di-utoya,-la-premier-norvegese:-“superare-l’odio”

ROMA – “L’odio non può essere lasciato senza risposta”. Così ha dichiarato la prima ministra della Norvegia, Erna Solberg, in occasione delle celebrazioni per commemorare il decimo anniversario della strage di Utoya. Il 22 luglio del 2011, l’estremista di destra cristiano Anders Behring Breivik compì un doppio attentato: intorno alle 15, fece prima esplodere un’autobomba di fronte al palazzo del governo, ad Oslo, nel quartiere centrale di Regjeringskvartalet. Due ore dopo, travestito da agente di polizia e munito di falsi documenti, Breivik sbarcò sulla piccola isola di Utoya dove aprì il fuoco sulla folla di giovani che stavano prendendo parte a un raduno organizzato dal Partito laburista norvegese (Auf). Il bilancio finale fu di 77 morti e oltre 300 feriti. Breivik è stato condannato a 21 anni di carcere.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it>

L’articolo Dieci anni fa la strage di Utoya, la premier norvegese: “Superare l’odio” proviene da Ragionieri e previdenza.

Bimbo palestinese ucciso, un video accusa Israele: “Soldati hanno sparato ad auto in retromarcia”

L’organizzazione israelo-palestinese B’Tselem ha diffuso due video registrati dalle telecamere di sorveglianza che proverebbero che l’esercito israeliano ha aperto il fuoco contro un’automobile civile, causando la morte di un bambino di 11 anni. L’incidente è avvenuto il 28 luglio scorso a Beit Ummar, un villaggio nella Cisgiordania. Nei video è possibile vedere il momento in…

Nieddu: “La Sardegna non andrà in zona gialla”

CAGLIARI – “Chiariamo una volta per tutte che la Sardegna non andrà in zona gialla. Sono tutti convinti che con il raggiungimento del 10% di terapie intensive il passaggio sia automatico, non è così”. A ribadirlo è l’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu, parlando con i giornalisti prima della riunione della commissione Salute del Consiglio…

La Torre: “L’oro di Jacobs? Solo chi non lo conosce può avere dubbi”

Dalla nostra inviata Erika Primavera TOKYO – “Ho letto cosa scrivono alcuni giornalisti stranieri: non sta scritto da nessuna parte che il vincitore dei 100 metri delle Olimpiadi debba essere per forza americano o anglosassone. Soltanto chi non conosce il percorso di Marcell e la maniacalità dei suoi allenamenti può avere qualche dubbio”. Così il…