Bonandini (commercialisti): giusto tutelare soltanto i professionisti iscritti agli Albi

“Tutelare soltanto il ‘diritto alla salute’ dei professionisti iscritti a un Albo professionale, come sancito nel Dl Malattia recentemente approvato, è corretto e opportuno.

Lo è perché gli Albi sono una garanzia per tutti, professionisti e clienti, e chi si pone fuori da questo mondo non può godere dalle protezioni che il legislatore ha stabilito.

E poco importa se si rientra nelle categorie elencate nella legge del 2013 sulle professioni non riconosciute perché, nella realtà dei fatti, indossare il cappello di professionista non iscritto ad Albo professionale significa non sottostare a tutti gli onerosi obblighi cui invece sono tenuti gli iscritti. E ledere, dunque, la concorrenza”.

Lo afferma Alessandro Bonandini, vicepresidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili. 

“Lascia perplessi, in questo senso, la presa di posizione del presidente dell’Istituto nazionale tributaristi che, in una lettera indirizzata al presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, rivendica una lesione della concorrenza derivante dalla disposizione contenuta della legge di Bilancio 2022”, evidenzia Bonandini. 

Il presidente dell’Ungdcec, Matteo De Lise, sottolinea, invece, come “per l’iscrizione ad un Albo professionale è necessario un titolo di studio, un periodo di pratica professionale e un esame di stato, nondimeno una volta iscritti è necessario rispettare il codice deontologico, maturare crediti formativi, sottostare alla normativa antiriciclaggio e privacy e sottoscrivere una polizza assicurativa, il tutto a tutela della collettività.

Lo scopo è garantire al contribuente uno standard qualitativo e professionale che in qualche modo possa tutelare il sistema economico”.

I genitori di Fabio Gianfreda agli studenti: “Alzate lo sguardo dallo schermo”

ROMA – Fabio aveva 19 anni e si era appena diplomato al liceo linguistico. Era innamorato della musica, dei suoi amici e del teatro. Preparava il test di accesso per l’accademia di arte drammatica, ma il Covid e l’isolamento hanno spento sempre più il suo entusiasmo. Dopo mesi di silenzio, Fabio si è tolto la…

A Bolzano scoperto un maxi crematorio preistorico risalente all’età del Bronzo

MILANO – Un inedito luogo di culto funerario, un vero e proprio crematorio di salme risalente all’Età del Bronzo (1150-950 ca a.C.) è stato scoperto a Salorno (Bolzano). La quantità di resti bruciati potrebbe anche rivelare una nuova modalità funeraria, non comune nell’età del Bronzo. La ricerca, pubblicata su “Plos One”, è stata realizzata da…

Scuola, via al concorso straordinario. Ecco chi può partecipare

ROMA – Al via le procedure per partecipare al concorso straordinario su posto comune per i docenti della scuola secondaria di primo e di secondo grado che abbiano svolto almeno tre anni di servizio nelle istituzioni scolastiche statali, anche non consecutivi, a decorrere dall’anno scolastico 2017/2018 ed entro il termine di presentazione delle istanze di…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: