Vaccino, Ue chiede maxi-risarcimento ad AstraZeneca per ritardi nelle forniture

vaccino,-ue-chiede-maxi-risarcimento-ad-astrazeneca-per-ritardi-nelle-forniture

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – L’Unione Europea, rappresentata dall’avvocato Rafael Jafferali, ha chiesto oggi, nel corso dell’udienza di primo grado presso il tribunale di Bruxelles, che l’azienda farmaceutica Astrazeneca sia multata per non aver rispettato i tempi di consegna delle dosi di vaccino anti-Covid-19 previsti dal contratto.

Secondo ricostruzioni di stampa rilanciate da diverse testate del Belgio, l’Unione europea chiederà il rimborso di “10 euro a dose per ogni giorno di ritardo” per il mancato rispetto del contratto, oltre a “un’ulteriore sanzione di almeno 10 milioni di euro per ogni inadempienza”. La sentenza è attesa per giugno.

Secondo Jafferali, Astrazeneca non avrebbe consegnato “50 milioni di dosi” destinate all’Ue, di cui 39 milioni prodotte in Gran Bretagna, 10 milioni negli Stati Uniti e un milione in Olanda, poiché esse sarebbero state “dirottate” verso altri acquirenti.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it>

L’articolo Vaccino, Ue chiede maxi-risarcimento ad AstraZeneca per ritardi nelle forniture proviene da Ragionieri e previdenza.

Desideri: “Notificata la diffida per Impegno Civico a Di Maio e Tabacci”

ROMA – “Ieri i nostri avvocati hanno notificato, presso gli uffici ministeriali, dopo la presentazione del simbolo di Impegno Civico, a Di Maio e Tabacci, formale diffida a presentare le liste di Impegno Civico, comunicando inoltre agli stessi che in caso di presentazione delle liste sarà immediatamente presentato ricorso nei termini di legge. Speriamo sinceramente…

Afghanistan, Kamal Fakhruddin: “Quanti errori, ora è il baratro”

ROMA – È stata una storia segnata da “tanti errori e da scelte amare”, sia da parte della Nato che del Governo afghano, quella che è culminata con l’ingresso a Kabul e la presa del potere da parte dei talebani il 15 agosto 2021. Adesso, con i miliziani alla guida del Paese, l’orizzonte sembra essere…

L’Afghanistan a un anno dalla presa dei talebani. Il racconto di Fondazione Pangea Onlus

ROMA – “Del 15 agosto di un anno fa ricordiamo tutto: l’ansia, la paura, le decisioni difficili e fondamentali da prendere, in poco tempo. La priorità di Pangea è stata proteggere le attiviste e le beneficiarie di vent’anni di lavoro in Afghanistan. Abbiamo bruciato i documenti, bloccato l’ufficio di Kabul ed evacuato il personale. Poi…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: