GENOVA  – Le differenze più evidenti e forse più angoscianti non sono quelle che si vedono, ma quelle che si sentono: i suoni, le emozioni, le coincidenze. Ogni 14 del mese, per un anno, quasi come per un pellegrinaggio in memoria delle 43 vittime del ponte M……

Continua a leggere sul sito di riferimento