Ue: “I referendum russi violano le leggi internazionali”

ue:-“i-referendum-russi-violano-le-leggi-internazionali”

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – “I referendum illegali sono un’altra sfacciata violazione dell’indipendenza e della sovranità territoriale dell’Ucraina, e una seria violazione della Carta delle Nazioni Unite”. Così in una nota un portavoce dell’Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari esteri, Joseph Borrell.

LEGGI ANCHE: La minaccia di Putin: “Useremo ogni mezzo per difenderci, via alla mobilitazione parziale”

Il dirigente ha condannato la mobilitazione parziale annunciata dal presidente russo Vladimir Putin e l’istituzione di referendum d’annessione nei territori ucraini sotto il controllo dell’esercito russo. “La Russia e la sua leadership politica- si legge nella nota- saranno ritenuti responsabili per l’organizzazione di questi referendum e per altre violazioni della legge internazionale in Ucraina, e ulteriori misure restrittive contro la Federazione Russa saranno proposte il prima possibile”.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it>

L’articolo Ue: “I referendum russi violano le leggi internazionali” proviene da Ragionieri e previdenza.

E Sgarbi parla via Facebook: “Il silenzio elettorale? Una grande stronzata”

BOLOGNA – “Il silenzio elettorale è una grande stronzata”. Parola di Vittorio Sgarbi, parlamentare uscente e candidato del centrodestra nell’uninominale di Bologna per il Senato, che alla vigilia del voto per le politiche interviene via Facebook e pubblica o rilancia sulla propria pagina i video-messaggi realizzati in suo sostegno da diversi volti noti. LEGGI ANCHE:

In India tempesta perfetta su scuola e case famiglia ‘made in Bologna’

BOLOGNA – Travolti dal “disastro perfetto”. La pandemia prima, la guerra poi e ora inflazione e stangata sulle bollette si sono abbattute su scuole e case famiglia attive in India ma ‘Made in Bologna’. È dal 1996 che un’organizzazione di Bologna, Namaste, opera in due Stati del sud del paese asiatico, Kerala e Tamil Nadu

La rabbia degli iraniani in piazza a Bologna: “Non lasceremo morire i nostri fratelli”

BOLOGNA – Cantano a squarciagola “azadi azadi azadi”, cioè “libertà” in persiano. Urlano “donna vita libertà”, “abbasso il dittatore” e “freedom for Iran”. Sono le iraniane e gli iraniani che oggi hanno manifestato a Bologna contro la morte di Mahsa Amini (la 22enne deceduta dopo essere stata arrestata a Teheran perché non indossava correttamente il
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: