Tennis, Jack Draper vince il derby britannico e si aggiudica il Challenger Città di Forlì

A Villa Carpegna battuto in finale il favorito Jay Clarke (n.3) con un netto 6-3 6-0

Jack Draper, ventenne britannico di Sutton, ha conquistato il Challenger Città di Forlì al TC Villa Carpena, conquistando un inedito derby contro il connazionale Jay Clarke, n.3 del tabellone, battuto con un netto 6-3 6-0 in appena 1h13’ di gioco.

Draper, testa di serie n.8, era sicuramente sfavorito all’inizio del match, invece, ha giocato un match perfetto rispetto a Clarke che ha forse pagato la battaglia della semifinale contro il bulgaro Andreev.

Draper, che oltre il tennis ha la passione per il pugilato e in particolare per Mike Tyson, all’inizio del torneo era n.262 del ranking mondiale, compirà un notevole salto in avanti arrivando fino al n.212, suo best ranking in carriera, grazie agli 80 punti Atp che spettano al vincitore.

Nonostante la sconfitta Clarke tornerà comunque nei top 200 del mondo, al 185, lui che in passato è salito anche la numero 153 e che vanta una convocazione nel quartetto di Coppa Davis britannico.

Ma a Forlì è stato più forte il meno quotato Draper. I due finalisti da oggi saranno al via del terzo challenger della città romagnola.

VIDEO | FOTO | Un weekend in Franconia tra birrifici, storia e magia del Natale – tappa 1: Bayreuth

BOLOGNA – Se si pensa alla Franconia e a Norimberga vengono subito in mente la birra, i wurstel e, dal punto di vista storico, il processo ad alcuni esponenti del nazismo che tra il novembre 1945 e l’ottobre 1945 pose la città al centro dei riflettori nel mondo intero. Ma questa parte della Baviera conta anche…

Lo ius scholae è alla Camera, destra sul piede di guerra. Lega: “Pd mette in difficoltà il governo”

ROMA – Il testo dello ius scholae per la riforma della legge sulla cittadinanza è stato chiuso nella serata di ieri in Commissioni Affari Costituzionali e ora è pronto ad andare in aula alla Camera per essere discusso. Ma l’approdo del testo, salutato dal Pd e sinistra con ripetuti “finalmente” e l’esortazione ad approvarlo, fa…

Su estradizione di Assange ancora molto da fare, un incontro alla Dire

ROMA – Cosa si può fare ancora per Julian Assange, il giornalista e attivista australiano, fondatore della piattaforma Wikileaks, che potrebbe essere estradato da un momento all’altro dalla Gran Bretagna negli Stati Uniti, dove ad attenderlo c’è il rischio di scontare in carcere 175 anni per reati connessi allo spionaggio? Se lo chiede l’agenzia internazionale…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: