Superbonus, De Lise (commercialisti): “Edilizia a rischio default”

“Se il Superbonus non riparte si rischia un default dell’intero settore edilizio e una grave crisi occupazionale”.

Lo ha detto Matteo De Lise, presidente dell’Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, intervenendo oggi a TG2 Italia.

“Nella prima fase c’è stato un abuso dello strumento del Superbonus, un ‘liberi tutti’ che ha portato a una frode dai numeri elevatissimi.

Si è innescato un circolo vizioso – ha analizzato De Lise – che la politica ha contrastato stringendo i paletti, mentre le banche con il plafond esaurito non hanno più acquistato il credito, resettando la possibilità di esercitarlo.

Tutto ciò ha frenato lo sviluppo delle nuove attività e soprattutto ha bloccato quelle che erano già partite, e oggi è tutto fermo”.

La norma era stata pensata per rilanciare il settore, “c’era una convenienza per imprese e cittadini che alle condizioni attuali è svanita. Bisogna tornare a rendere attrattiva la cessione del credito alle banche, magari permettendo alle banche di acquistare titoli di Stato”.

VIDEO | FOTO | Un weekend in Franconia tra birrifici, storia e magia del Natale – tappa 1: Bayreuth

BOLOGNA – Se si pensa alla Franconia e a Norimberga vengono subito in mente la birra, i wurstel e, dal punto di vista storico, il processo ad alcuni esponenti del nazismo che tra il novembre 1945 e l’ottobre 1945 pose la città al centro dei riflettori nel mondo intero. Ma questa parte della Baviera conta anche…

Lo ius scholae è alla Camera, destra sul piede di guerra. Lega: “Pd mette in difficoltà il governo”

ROMA – Il testo dello ius scholae per la riforma della legge sulla cittadinanza è stato chiuso nella serata di ieri in Commissioni Affari Costituzionali e ora è pronto ad andare in aula alla Camera per essere discusso. Ma l’approdo del testo, salutato dal Pd e sinistra con ripetuti “finalmente” e l’esortazione ad approvarlo, fa…

Su estradizione di Assange ancora molto da fare, un incontro alla Dire

ROMA – Cosa si può fare ancora per Julian Assange, il giornalista e attivista australiano, fondatore della piattaforma Wikileaks, che potrebbe essere estradato da un momento all’altro dalla Gran Bretagna negli Stati Uniti, dove ad attenderlo c’è il rischio di scontare in carcere 175 anni per reati connessi allo spionaggio? Se lo chiede l’agenzia internazionale…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: