giovedì, Luglio 18, 2024

Sciopero mezzi pubblici a Milano, metro chiuse per 4 ore

(Adnkronos) - A causa dello sciopero...

Incendio doloso devasta palazzo a Nizza, 7 morti: 3 sono bambini

(Adnkronos) - Sette persone sono morte,...

Terremoto Campi Flegrei, nuova scossa di magnitudo 3.6

(Adnkronos) - E' stata registrata alle...

S&P: Cina irrobustisca mercato obbligazionario privato

AttualitàS&P: Cina irrobustisca mercato obbligazionario privato

Debito rischia di diventare un freno alla crescita
Roma, 14 giu. (askanews) – La Cina, se vuole sostenere la crescita e nello stesso tempo contenere il debito, dovrà migliorare l’efficienza dei finanziamenti partendo da una razionalizzazione del mercato obbligazionario e dando più spazio alle obbligazioni private rispetto a quelle pubbliche. Lo segnala un rapporto pubblicato da S&P Global.
Il governo cinese desidera sostenere la crescita economica, ma è preoccupati per gli alti livelli di debito tra i governi locali e le aziende. Di conseguenza, ha stretto i finanziamenti per i veicoli di finanziamento dei governi locali e controllato la crescita complessiva del credito. Ma, per mantenere una crescita stabile senza aumentare ulteriormente la leva finanziaria, “la Cina potrebbe dover migliorare l’efficienza del finanziamento degli investimenti”, segnala S&P.
“Questa efficienza è peggiorata significativamente dalla crisi finanziaria globale del 2007-2008. Un maggiore orientamento al mercato e riforme dei titoli obbligazionari aziendali aiuterebbero a raggiungere questo obiettivo. Il rapporto tra debito del settore non finanziario e PIL è rimasto stabile per gran parte degli anni 2000, ma è più che raddoppiato tra il 2008 e il 2023, secondo le nostre stime. In diverse occasioni nell’ultimo decennio, le autorità hanno preso provvedimenti per ridurre la leva finanziaria in diverse parti del sistema finanziario. Tuttavia, nonostante questi sforzi, il debito continua a crescere anche se la crescita del PIL nominale rallenta”, segnala il rapporto.
In linea di principio, la gestione della leva macroeconomica è stata un obiettivo politico dal 2018. Ma i politici hanno spesso allentato le politiche di credito per stimolare la crescita economica, portando a un aumento del debito complessivo e del finanziamento sociale totale. Il risparmio nazionale lordo della Cina è molto elevato, rappresentando il 45% del PIL nel 2022. La maggior parte di questo risparmio è utilizzata per finanziare gli investimenti nell’economia attraverso il sistema finanziario nazionale. Tra il 2000 e il 2007, la leva finanziaria è rimasta sostanzialmente stabile in mezzo a una rapida crescita economica e a un modesto impatto della ristrutturazione bancaria, mentre i risparmi nazionali sono aumentati di 15 punti percentuali fino al 50% del PIL. Tuttavia, le tendenze sono cambiate successivamente, e la leva ha iniziato ad aumentare dal 2008 a causa dell’impennata della spesa pubblica in risposta alla crisi finanziaria globale. Un decennio e mezzo dopo, ben dopo la fine della crisi, la tendenza al rialzo della leva finanziaria non si è ancora invertita. Questo suggerisce che i risparmi elevati della Cina, uno dei tradizionali punti di forza del paese, possono contribuire sempre più alla leva finanziaria piuttosto che alla produzione.
“Se il grande bacino di risparmi della Cina continuerà a essere impiegato in modo inefficiente, potrebbe finire per alimentare più i rischi sistemici che potenziale di crescita”, dice ancora il rapporto.
Un grande bacino di risparmi – avverte S&P – “potrebbe anche aumentare i rischi politici se dovesse portare a compiacenza e alla percezione che la Cina non ha bisogno di capitali esteri e, quindi, di riforme orientate verso l’esterno, mentre gli investimenti stranieri sono cruciali per introdurre la concorrenza globale e la disciplina del mercato per aumentare l’efficienza nei settori che sono stati protetti da tali forze”. Il rapporto investimenti/PIL della Cina è aumentato dal 33,6% nel 2000 a un picco del 46,7% nel 2011. Il grande aumento nel periodo 2008-2010 in risposta alla crisi finanziaria globale non è mai stato completamente ritirato. Dopo una certa riduzione, il rapporto è sceso al 42,6% nel 2016 e da allora è rimasto sopra il 43%, riflettendo pochi progressi nel riequilibrare la crescita verso il consumo.
Nel frattempo, il rapporto tra nuovo credito per unità di investimento è raddoppiato dal 40% circa nel 2000 a oltre l’80% durante il picco del periodo di stimolo 2008-2010. Nonostante il ritiro dello stimolo successivamente, il rapporto è rimasto a una media di quasi il 60% tra il 2011 e il 2023, un aumento significativo rispetto ai livelli storici. “Questa espansione del credito è straordinaria rispetto sia ai mercati sviluppati che agli altri mercati emergenti. Senza una maggiore dipendenza dal credito, la leva finanziaria sarebbe stata materialmente inferiore e più in linea con i pari globali”, secondo lo studio.
Il maggiore bisogno di credito è in parte dovuto a un cambiamento nella composizione degli investimenti verso più infrastrutture dalla crisi finanziaria globale. Tali progetti tendono a essere largamente finanziati con debito poiché detengono asset di lunga durata che sono tipicamente posseduti e regolati dai governi locali o centrali attraverso le loro imprese statali (SOE).
Il governo cinese, però, comprende la necessità di controllare simultaneamente la leva finanziaria e sostenere la crescita economica a lungo termine per tenere a bada i rischi sistemici. Tuttavia, si tratta di un percorso sfidante. La Cina potrebbe dover ridurre il suo rapporto investimenti/PIL mentre i rendimenti sugli investimenti diminuiscono e spostare il suo modello di crescita verso il consumo. Il rapporto capitale/output del paese è costantemente aumentato, il che non può continuare indefinitamente. Tuttavia, ridurre gli investimenti per contenere la leva macroeconomica rallenterà inevitabilmente il ritmo della crescita. Per minimizzare l’impatto sulla crescita, il riequilibrio verso un maggiore consumo e minori investimenti potrebbe dover avvenire insieme a una robusta crescita della produttività.
Per migliorarla potrebbero essere necessarie ulteriori riforme per migliorare la produttività per sostenere la crescita nel prossimo decennio. Ma questo porta a un’estensione del credito anche a imprese meno competitive nel tempo e questo finisce per far emergere l’effetto contrario, oltre a ostacolare le forze di mercato nella selezione delle imprese che non possono far crescere sostenibilmente i loro flussi di cassa più rapidamente delle loro esigenze di servizio e rimborso del debito. Ciò finisce per portare a maggiori necessità di investimento, più debito e una crescita della produttività inferiore. Questi, per S&P, è “essenziale permettere alle forze di mercato di svolgere un ruolo maggiore è essenziale per aumentare l’efficienza: i mercati del credito saranno fondamentali in questo sforzo, poiché sono il principale veicolo di consegna delle forze di mercato quando si tratta di allocazione del credito”.
Negli ultimi 10 anni, il mercato obbligazionario della Cina è cresciuto rapidamente ed è ora il secondo più grande al mondo e l’espansione rapida significa che, nonostante le sue dimensioni attuali, è ancora nelle prime fasi di sviluppo. L’emissione di obbligazioni soddisfa solo una piccola parte delle esigenze di finanziamento della Cina.
L’aumento delle vendite di obbligazioni speciali da parte dei governi locali, inoltre, ha esacerbato questo problema. Riducendo la necessità per i veicoli di finanziamento dei governi locali (LGFV) di emettere obbligazioni per finanziare progetti infrastrutturali, la sostituzione degli emittenti governativi con quelli aziendali ha minato la differenziazione del credito e la valutazione del rischio di credito nel mercato.
La diminuzione dell’importanza delle obbligazioni aziendali rispetto a quelle governative è un’indicazione importante del fatto che il settore statale sta spiazzando il settore privato in termini di finanziamento, il che riduce la partecipazione di più gruppi di imprese diversificati. Questa tendenza rimane una sfida centrale per il paese, nonostante decenni di riforme volte a migliorare l’efficienza.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles