Scuole chiuse, i genitori dell’Istituto Alfieri di Torre Annunziata scrivono al sindaco: “Riaprire subito”

“Reclamiamo per i nostri bambini il diritto all’istruzione e alla socialità, seppur severamente limitata in questo periodo. Chiediamo a gran voce la riapertura in sicurezza delle scuole”. Un gruppo di genitori degli alunni dell’Istituto omnicomprensivo “Vittorio Alfieri” di Torre Annunziata scrive una lettera alle istituzioni, puntando il dito contro il sindaco Vincenzo Ascione e l’ultima ordinanza che chiude tutti gli istituti scolastici oplontini.

“Una decisione – scrivono i genitori – che arriva proprio quando il presidente Vincenzo De Luca ha stabilito anche la riapertura delle scuole superiori al 1° febbraio. Invece, il sindaco di Torre Annunziata sceglie di non far ripartire le attività didattiche nella settimana dal 25 gennaio al 30 gennaio pur senza l’esistenza di focolai e dopo che il Tar di Napoli ha disposto la ripresa della quarta e quinta classe della scuola elementare escludendo la didattica a distanza, se non nell’ipotesi di accertato scenario di alto rischio che non ricorre però nella Regione Campania, classificata attualmente in zona gialla”.

A Torre Annunziata è dunque arrivato il provvedimento comunale che ha disposto la chiusura di tutte le scuole sul territorio fino a fine mese. «Eppure – si legge nella lettera dei genitori di Torre Annunziata – il nostro istituto si è reso sicuro procurandosi termoscanner, gel e mascherine che garantiscono sufficiente sicurezza. E le scuole attualmente sono di sicuro più protette di tutti gli altri luoghi che possono frequentare i ragazzi. Si lasciano aperti i bar, si consente di andare a scuola calcio e poi si dispone la chiusura della scuola? Oggi non si può più accettare nemmeno la Dad, ormai diventata insostenibile e che ha già arrecato pregiudizio allo sviluppo psicofisico, relazionale ed affettivo dei nostri figli già da troppo tempo lontani dai banchi di scuola e dai loro compagni».

“Qui nessun focolaio”.

 

La mamma di una bimba che frequenta scuola dell’infanzia scrive: «La chiusura delle scuole sembra un nuovo atto di irresponsabilità, di abuso e di incapacità dell’amministrazione locale. Non ci sono focolai nella nostra scuola, si è verificato qualche caso isolato in un altro istituto, prontamente chiuso. Il tutto è stato gestito secondo i Regolamenti e i protocolli di sicurezza per la prevenzione e la protezione dal rischio di contagio Covid 19, come avviene in tutta Italia».

In conclusione, l’appello del gruppo di mamme e papà di Torre Annunziata al sindaco è preciso: «Abbiamo il diritto di avere spiegazioni riguardo alla decisione di chiudere le scuole del territorio comunale, e abbiamo il diritto di comprendere i motivi per i quali le scuole di tutta Italia restano, invece, aperte. Chiediamo, pertanto, di tornare a scuola subito».

 

Claudia Ascione

Roberta Cappuccio

Claudio Leo

Caterina Maiorino

Antonio Manzo

Giovanna Nasto

Francesca Salvi

Milena Salvi

Lucia Sassano

Mariaester Vetturino

 

Figliuolo: “In arrivo sette milioni di dosi Pfizer in più per l’Italia”

TORINO – “Mi ha chiamato il presidente Draghi mentre stavo arrivando ad Aosta per comunicarmi che, grazie alle pressioni europee, all’Ue arriveranno 50 milioni di dosi Pfizer in più per il trimestre aprile, maggio, giugno”. Cosi’ il generale Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, arrivato oggi a Torino per l’inaugurazione del nuovo centro vaccinale…

L’appello del comitato Orsan sulle Rsa: “Via libera alle visite in presenza ai familiari”

ROMA – I parenti e familiari degli oltre 350mila ospiti ricoverati nelle 7.372 strutture residenziali socio assistenziali (RSA) italiane (fonte: Ministero della Salute (2019) Annuario Statistico del Servizio Sanitario Nazionale, anno 2017) alzano la voce e chiedono al Governo una data certa per la ripresa, in presenza e nel pieno rispetto dei protocolli sanitari, delle…

Sanità, Morra: “Azienda ospedaliera di Cosenza occupata dai cittadini”

REGGIO CALABRIA – “Oggi a Cosenza dei cittadini hanno occupato la sede della direzione generale dell’Azienda ospedaliera di Cosenza. È un gruppo di residenti nel cosentino che chiedono, giustamente, una sanità pubblica ed efficiente che porti alla fine del commissariamento con conseguente riapertura degli ospedali ed assunzione di personale necessario per sopperire alle mancanze attuali”.…