Papa Francesco a settembre in Ungheria e Slovacchia, viaggio confermato dopo l’intervento

papa-francesco-a-settembre-in-ungheria-e-slovacchia,-viaggio-confermato-dopo-l’intervento

ROMA – Cinque città (Budapest, Bratislava, Kosice, Presov, Sastin), sette discorsi, tre omelie, un saluto e un Angelus. Questi, in sintesi, i ‘numeri’ del viaggio apostolico che Papa Francesco compirà a Budapest, in occasione della Messa conclusiva del 53º Congresso eucaristico internazionale, e in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre. Confermato dunque il viaggio dopo l’intervento al colon a cui si è recentemente sottoposto papa Bergoglio. Il pontefice, si legge nel programma, diffuso oggi dalla Sala Stampa della Santa Sede, partirà in aereo dall’aeroporto di Fiumicino domenica 12 settembre, alle ore 6, per arrivare a Budapest, alle 7.45, ora dell’accoglienza ufficiale all’aeroporto. Un’ora dopo l’incontro con il presidente della Repubblica Janos Ader e con il primo ministro Viktor Orban presso il Museo delle Arti a Budapest, dove alle 9.15 si svolgerà anche l’incontro con i vescovi, occasione del primo discorso del Santo Padre. Alle 10 l’incontro con i rappresentanti del Consiglio ecumenico delle Chiese e alcune comunità ebraiche dell’Ungheria, sempre nello stesso luogo, occasione per il secondo discorso. Alle 11.30 la messa nella piazza degli Eroi a Budapest, momento conclusivo del Congresso eucaristico.

LEGGI ANCHE: Torna l’Angelus del Papa in piazza San Pietro: “Serve ‘ecologia del cuore’”

La cerimonia di congedo dall’Ungheria è prevista alle 14.30 presso l’aeroporto di Budapest, dove alle 14.40 Francesco partirà in aereo per Bratislava, capitale della Slovacchia, con arrivo previsto alle 15.30 e contestuale accoglienza ufficiale. Il primo appuntamento in terra slovacca è previsto alle 16.30, per l’incontro ecumenico presso la nunziatura apostolica di Bratislava, nel corso del quale il Papa pronuncerà un discorso. Un’ora dopo l’incontro privato con i membri della Compagnia di Gesù, nello stesso luogo. Il 13 settembre, alle 9.15, si svolgerà la cerimonia di benvenuto presso il palazzo presidenziale a Bratislava; un quarto d’ora dopo dalla visita di cortesia alla presidente della Repubblica, Zuzana Caputova, nella Sala d’oro. Alle 10 l’incontro con le autorità, la società civile e il Corpo diplomatico, nel giardino del palazzo presidenziale. Francesco incontrerà poi alle 10.45 i vescovi, i sacerdoti, i religiosi e le religiose, i seminaristi e i catechisti presso la Cattedrale di San Martino a Bratislava e rivolgerà loro un discorso. Nel pomeriggio, alle 16, la visita privata al ‘Centro Betlemme’ a Bratislava, cui seguirà alle 16.45 l’incontro con la comunità ebraica in Piazza Rybné námestie a Bratislava, con il discorso del Santo Padre. Alle 18 la visita del presidente del Parlamento presso la nunziatura apostolica a Bratislava, seguita un quarto d’ora dopo dalla visita del primo ministro.

Martedì 14 settembre, alle 8.10, il Papa partirà in aereo per Kosice, con arrivo previsto alle 9. Alle 10.30 il Santo Padre presiederà la Divina liturgia bizantina di San Giovanni Crisostomo, nel piazzale del Mestská športová hala a Presov. Due gli incontri del pomeriggio: alle 16 con la comunità Rom nel Quartiere Luník IX a Kosice, cui il Santo Padre porterà un saluto, e alle 17 con i giovani cui rivolgerà un discorso presso lo Stadio Lokomotiva a Kosice. La partenza in aereo per Bratislava è prevista alle 18.30, con arrivo un’ora dopo. Il 15 settembre Francesco, alle 9.10, pregherà con i vescovi presso il Santuario Nazionale di Sastin. Alle 10 comincerà la messa nella spianata dello stesso santuario, momento conclusivo del viaggio. Alle 13.30 è prevista la cerimonia di congedo presso l’Aeroporto internazionale di Bratislava. L’aereo con a bordo il Papa partirà alle 13.45 per Roma, dove atterrerà alle 15.30 all’aeroporto di Ciampino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Papa Francesco a settembre in Ungheria e Slovacchia, viaggio confermato dopo l’intervento proviene da Ragionieri e previdenza.

Bimbo palestinese ucciso, un video accusa Israele: “Soldati hanno sparato ad auto in retromarcia”

L’organizzazione israelo-palestinese B’Tselem ha diffuso due video registrati dalle telecamere di sorveglianza che proverebbero che l’esercito israeliano ha aperto il fuoco contro un’automobile civile, causando la morte di un bambino di 11 anni. L’incidente è avvenuto il 28 luglio scorso a Beit Ummar, un villaggio nella Cisgiordania. Nei video è possibile vedere il momento in…

Nieddu: “La Sardegna non andrà in zona gialla”

CAGLIARI – “Chiariamo una volta per tutte che la Sardegna non andrà in zona gialla. Sono tutti convinti che con il raggiungimento del 10% di terapie intensive il passaggio sia automatico, non è così”. A ribadirlo è l’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu, parlando con i giornalisti prima della riunione della commissione Salute del Consiglio…

La Torre: “L’oro di Jacobs? Solo chi non lo conosce può avere dubbi”

Dalla nostra inviata Erika Primavera TOKYO – “Ho letto cosa scrivono alcuni giornalisti stranieri: non sta scritto da nessuna parte che il vincitore dei 100 metri delle Olimpiadi debba essere per forza americano o anglosassone. Soltanto chi non conosce il percorso di Marcell e la maniacalità dei suoi allenamenti può avere qualche dubbio”. Così il…