Oliveti (Adepp), vaccinare subito anche i professionisti

 

L’appello dell’associazione degli enti previdenziali a cui aderiscono gli iscritti agli ordini professionali

 

Ci sono professionisti che rischiano perfino la destituzione se abbandonano la propria sede di lavoro in caso di pandemia eppure attualmente non hanno alcuna priorità nelle vaccinazioni.

Per questo l’Adepp, l’associazione degli enti previdenziali delle categorie ordinistiche chiede che professionisti siano vaccinati subito per il Covid-19.

“Stiamo parlando per esempio dei notai che ogni giorno in tutta Italia si recano in ospedali, case di cura, rsa, carceri e che per legge devono espletare la loro funzione anche in caso di malattie contagiose o epidemiche – dice Alberto Oliveti, presidente dell’Adepp–.

Ma più in generale ci riferiamo a tutti i professionisti che con la loro opera assicurano la tutela e la realizzazione di diritti costituzionali.”

“Ricordo che i professionisti iscritti agli ordini e alle Casse di previdenza svolgono funzioni di rilevanza pubblica e sociale.

Chiedo quindi al Governo – conclude il presidente dell’Adepp – che venga individuato per i professionisti un canale preferenziale per la somministrazione del vaccino al pari di altre categorie considerate a rischio”.

VIDEO | Al Lago di Ledro dopo due anni torna il Tuffo della Merla, è un successo

BOLOGNA – "Ci sono solo 5 gradi, niente di che". Questa frase riassume bene lo spirito ‘pazzo’ e temerario alla base del tradizionale "tuffo della merla" nelle acque (solitamente ghiacciate) del lago di Ledro negli ultimi giorni di gennaio. L’iniziativa, che in Trentino Alto Adige ha una storia ormai consolidata, è andata in scena nuovamente

Il Papa in partenza per il Congo, l’appello: “C’è un buco nero dell’informazione, il mondo apra gli occhi”

ROMA – Rompere il silenzio sui conflitti armati in Congo, un Paese vittima della propria stessa ricchezza, coltan, cobalto e "terre rare", sulle quali vogliono mettere le mani governi e multinazionali dell’industria elettronica: è l’appello che arriva da Roma, a pochi giorni dalla visita apostolica a Kinshasa di Papa Francesco. Le voci sono quelle di

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen. (askanews) - E' morto Ludovico Di Meo, giornalista con una lunga carriera in Rai, direttore generale di San Marino Rtv. Così il sito dell'emittente ha comunicato la notizia: "Una notizia che sconvolge la San Marino Rtv. Questa mattina, a Roma, è morto il direttore generale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: