Obbligo mascherine in classe? “Nessuna base scientifica”

obbligo-mascherine-in-classe?-“nessuna-base-scientifica”

ROMA – “Il dibattito sull’uso delle mascherine a scuola imporrebbe che il ministro Speranza, una volta per tutte, ammettesse che la sua pervicacia è dettata esclusivamente da considerazioni politiche. Non è infatti solo il sottoscritto ad aver sollecitato la rimozione dell’obbligo per l’ultima parte dell’anno scolastico, né si tratta di un sentimento comune solo a qualche esponente di partito, come lo stesso sottosegretario Costa, o a gran parte delle famiglie italiane. Eminenti rappresentanti del mondo della scienza e della ricerca, dal professor Bassetti alla professoressa Gismondo al professor Anelli, concordano sul fatto che, almeno quando si è seduti al proprio posto in classe, le mascherine potrebbero benissimo essere tolte senza rischi”. Lo scrive questa mattina, in un post su Facebook, il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso.

“Non solo. Lo stesso professor Rezza, ex membro del Comitato tecnico scientifico e autorevolissimo collaboratore del Governo, ha candidamente ammesso che il ministero della Salute non sarebbe in possesso di studi in grado di fornire una base scientifica alle tesi del ministro Speranza- aggiunge Sasso- Evidentemente, mentre nel Paese tutte le restrizioni che riguardano attività produttive, commerciali e ricreative vengono via via smantellate, si è scelto di penalizzare solo il mondo della scuola. Il quale, va sottolineato, nei due anni della pandemia ha risposto con enorme senso di responsabilità alla campagna vaccinale e a tutte le misure prese dal Governo. Spieghi agli italiani il ministro Speranza quali evidenze scientifiche ad esempio giustifichino l’eliminazione delle mascherine nei luoghi di ritrovo degli stessi studenti che poi sono invece costretti a tenerle per ore in aule che sono ormai roventi. I nostri ragazzi e i docenti lamentano difficoltà respiratorie, senso di nausea e altri malori: perché continuare ad accanirsi sulla comunità scolastica? Ministro Speranza, ammetta l’errore e torni sulla sua decisione”, conclude il sottosegretario all’Istruzione.

COSTA: “VIA MASCHERINE IN CLASSE SAREBBE SEGNO RITORNO A NORMALITÀ”

Sulla dibattuta questione delle mascherine in classe interviene anche il il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, a margine del 19° congresso internazionale della Società oftalmologica italiana (Soi): “Soprattutto quando i nostri ragazzi e i nostri bambini durante le lezioni sono seduti al proprio posto credo che si possa fare una riflessione per dare un ulteriore segnale di ritorno alla normalità, quindi togliere le mascherine. Ovviamente si tratta di fare una riflessione all’interno del governo, dove ci sono sensibilità e posizioni diverse”.”Mi auguro che si possa arrivare a dare questo segnale, che sarebbe un ulteriore avvicinamento dopo due anni e mezzo di regole e restrizioni a quella normalità che tutti auspichiamo”, ha concluso Costa.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Obbligo mascherine in classe? “Nessuna base scientifica” proviene da Ragionieri e previdenza.

Desideri: “Notificata la diffida per Impegno Civico a Di Maio e Tabacci”

ROMA – “Ieri i nostri avvocati hanno notificato, presso gli uffici ministeriali, dopo la presentazione del simbolo di Impegno Civico, a Di Maio e Tabacci, formale diffida a presentare le liste di Impegno Civico, comunicando inoltre agli stessi che in caso di presentazione delle liste sarà immediatamente presentato ricorso nei termini di legge. Speriamo sinceramente…

Afghanistan, Kamal Fakhruddin: “Quanti errori, ora è il baratro”

ROMA – È stata una storia segnata da “tanti errori e da scelte amare”, sia da parte della Nato che del Governo afghano, quella che è culminata con l’ingresso a Kabul e la presa del potere da parte dei talebani il 15 agosto 2021. Adesso, con i miliziani alla guida del Paese, l’orizzonte sembra essere…

L’Afghanistan a un anno dalla presa dei talebani. Il racconto di Fondazione Pangea Onlus

ROMA – “Del 15 agosto di un anno fa ricordiamo tutto: l’ansia, la paura, le decisioni difficili e fondamentali da prendere, in poco tempo. La priorità di Pangea è stata proteggere le attiviste e le beneficiarie di vent’anni di lavoro in Afghanistan. Abbiamo bruciato i documenti, bloccato l’ufficio di Kabul ed evacuato il personale. Poi…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: