Nascono i patti territoriali dell’alta formazione delle imprese

nascono-i-patti-territoriali-dell’alta-formazione-delle-imprese

ROMA – Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50 contenente ‘Misure urgenti in materia di politiche energetiche nazionali, produttività delle imprese e attrazione degli investimenti, nonché in materia di politiche sociali e di crisi ucraina’ nascono i ‘Patti territoriali dell’alta formazione delle imprese’. La misura è pensata per promuovere l’interdisciplinarità dei corsi di studio e la formazione di profili professionali innovativi e altamente specializzati in grado di soddisfare i fabbisogni espressi dal mondo del lavoro e dalle filiere produttive nazionali, migliorare e ampliare l’offerta formativa universitaria anche attraverso la sua integrazione con le correlate attività di ricerca, sviluppo e innovazione.

Per garantire un co-finanziamento statale a queste iniziative sono stati stanziati complessivamente 290 milioni di euro, di cui 20 milioni nel 2022 e 90 milioni per ciascuno degli anni dal 2023 al 2025, che verranno ripartiti con un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri. L’obiettivo principale della norma è incentivare le università a costruire sinergie e aggregazioni e, in forma associata, stipulare Patti con imprese, enti o istituzioni di ricerca pubblici o privati, con pubbliche amministrazioni e società pubbliche per realizzare specifici progetti per la formazione di nuove professionalità nei settori e nelle filiere in cui sussiste un’insufficiente presenza di forza lavoro qualificata rispetto alla relativa domanda, con particolare riferimento alle discipline STEM (Scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) anche integrate con altre discipline umanistiche e sociali.

I progetti possono anche prevedere iniziative per sostenere la transizione dei laureati nel mondo del lavoro e la loro formazione continua e a promuovere il trasferimento tecnologico, soprattutto nei riguardi delle piccole e medie imprese. In particolare, possono presentare progetti le università che hanno sede in regioni che presentano parametri inferiori rispetto alla media nazionale in merito al numero di laureati rispetto alla popolazione residente nella Regione interessata dal Patto, al tasso di occupazione dei laureati a tre anni dalla laurea, al numero di laureati in Regione diversa da quella di residenza sul totale dei laureati residenti nella Regione interessata dal Patto.

“È un nuovo strumento nel solco delle politiche che stiamo mettendo in campo per incentivare una programmazione dell’offerta formativa più aderente ai bisogni del territorio e che sia focalizzata sulla formazione di una classe dirigente orientata all’integrazione tra l’impresa e la pubblica amministrazione- commenta la ministra dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa- I patti territoriali hanno l’obiettivo di facilitare al massimo il dialogo tra università e contesto territoriale, con l’obiettivo di arginare il fenomeno delle asimmetrie tra differenti aree d’Italia nel sistema della formazione superiore e la conseguente mobilità per studio e lavoro”.

La misura prevede che i vari progetti, proposti e definiti dalle università che saranno capofila, siano sottoposti alla valutazione di una Commissione composta da cinque membri, due individuati dal ministro dell’Università e della Ricerca, e gli altri tre indicati uno ciascuno rispettivamente dal Presidente del Consiglio dei Ministri, dal ministro dell’Economia e delle Finanze e dal ministro dello Sviluppo Economico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Nascono i patti territoriali dell’alta formazione delle imprese proviene da Ragionieri e previdenza.

Brucellosi, Rostan (FI): “Bloccare abbattimenti indiscriminati” Presentata interrogazione al ministro Speranza

“Bisogna porre fine agli abbattimenti indiscriminati e massivi delle bufale mediterranee che avvengono per sospetta brucellosi o Tbc Bovis e hanno portato, in Campania,...

Sindrome di Down, Barone alla Dire: “Dall’Italia ulteriori passi avanti”

ROMA – A dicembre 2021 il professore di biochimica dell’Università Sapienza di Roma, Eugenio Barone, aveva illustrato alla Dire i risultati di uno studio in grado di misurare le alterazioni del segnale dell’insulina nel cervello delle persone con sindrome di Down. A distanza di sei mesi l’agenzia è tornata a confrontarsi con l’esperto su questa…

Cannabis e ius scholae agitano il governo, l’esame alla Camera slitta alla prossima settimana

ROMA – L’Aula della Camera ha approvato il rinvio alla prossima settimana di tutti i provvedimenti all’ordine del giorno, tra i quali quelli sulla cannabis, per la legalizzazione della coltivazione e detenzione da parte di maggiorenni e per uso personale di massimo quattro piante femmine, e sullo Ius scholae per la concessione della cittadinanza ai…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: