Nappi (Lega): pace fiscale subito per salvare famiglie e imprese

“Pace fiscale subito, con la rottamazione delle cartelle esattoriali. Bene ha fatto Matteo Salvini a ribadire la necessità di un intervento, che soprattutto in Campania, è l’unico da mettere in campo per salvare il futuro di tantissimi cittadini e di imprese, minacciati dall’arrivo di milioni di ‘buste verdi’.

I padri di famiglia si trovano davanti a una scelta: o mettere il piatto a tavola e far mangiare i propri figli, oppure pagare le ‘lettere’ inviate dall’Agenzia delle Entrate.

Allo stesso modo gli imprenditori, o pagano gli stipendi e salvaguardano posti di lavoro, o pagano le cartelle e licenziano.

Tra l’altro si tratta di un arretrato di oltre 1.000 miliardi, somme che lo Stato non incasserebbe mai.

La pace fiscale, insieme all’estensione della Flat Tax al 15% a pensionati, lavoratori dipendenti e imprese, e a un maxidecreto da almeno 30 miliardi di euro contro il drammatico caro energia, sono le prime azioni che il prossimo Governo di centrodestra a trazione Lega avvierà nell’immediato per salvare il Paese”.

Lo afferma il consigliere regionale Severino Nappi, capolista per la Lega alla Camera dei deputati nel collegio Campania 1.

E Sgarbi parla via Facebook: “Il silenzio elettorale? Una grande stronzata”

BOLOGNA – “Il silenzio elettorale è una grande stronzata”. Parola di Vittorio Sgarbi, parlamentare uscente e candidato del centrodestra nell’uninominale di Bologna per il Senato, che alla vigilia del voto per le politiche interviene via Facebook e pubblica o rilancia sulla propria pagina i video-messaggi realizzati in suo sostegno da diversi volti noti. LEGGI ANCHE:

In India tempesta perfetta su scuola e case famiglia ‘made in Bologna’

BOLOGNA – Travolti dal “disastro perfetto”. La pandemia prima, la guerra poi e ora inflazione e stangata sulle bollette si sono abbattute su scuole e case famiglia attive in India ma ‘Made in Bologna’. È dal 1996 che un’organizzazione di Bologna, Namaste, opera in due Stati del sud del paese asiatico, Kerala e Tamil Nadu

La rabbia degli iraniani in piazza a Bologna: “Non lasceremo morire i nostri fratelli”

BOLOGNA – Cantano a squarciagola “azadi azadi azadi”, cioè “libertà” in persiano. Urlano “donna vita libertà”, “abbasso il dittatore” e “freedom for Iran”. Sono le iraniane e gli iraniani che oggi hanno manifestato a Bologna contro la morte di Mahsa Amini (la 22enne deceduta dopo essere stata arrestata a Teheran perché non indossava correttamente il
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: