Medicina: alla Federico II l’aula didattica hi-tech unica in Italia 

La tecnologia della Realtà Aumentata a disposizione degli studenti di Odontoiatria della Scuola di Medicina dell’Università Federico II di Napoli. Entra in funzione a pieno regime l’aula per esercitazioni pratiche per gli studenti del Corso di Laurea magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria dell’ateneo federiciano.

L’aula didattica è tra le più tecnologicamente avanzate d’Europa ed è la più grande d’Italia. Con 46 postazioni odontoiatriche con altrettanti pazienti robot, questo laboratorio ad alta tecnologia è unico in Italia per le tecnologie impiegate, il terzo per importanza a livello europeo. Ciascuna delle postazioni è attrezzata con uno schermo ad alta definizione e manichini-robot che riproducono fedelmente la bocca di un paziente.

Questa eccellenza, realizzata con fondi Pon, è stata possibile grazie a un lavoro di squadra tra Regione Campania, Ateneo e Scuola di Medicina.

“La Scuola federiciana si conferma un’eccellenza nella formazione di veri e propri talenti, che danno lustro alla nostra Regione – dice la Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia della Federico II, Maria Triassi – La Federico II vuole essere all’avanguardia nell’avanzamento tecnologico delle strutture didattiche e dialogare con le più prestigiose realtà universitarie europee per offrire e apprendere nuove conoscenze”.

“L’aula preclinica serve certamente alla didattica e all’attività formativa, ma anche e soprattutto ad offrire un servizio attento e di elevata qualità all’utenza – spiega il professore Sandro Rengo, Past-President del Corso di Laurea in Odontoiatria e protesi dentaria della Facoltà di Medicina e Chirurgia – Merito della lungimiranza e dell’attenzione della Regione Campania e dei vertici dell’Ateneo che hanno fornito una eccezionale opportunità agli studenti di Odontoiatria”.

Simulatori avanzati Smily, prodotti dalla ditta Saratoga e disegnati dal team del designer Paolo Pininfarina, riproducono fedelmente qualsiasi esercitazione pratica riproducendo un ambiente realistico con le stesse tecnologie presenti nelle sale odontoiatriche.

La sala di simulazione avanzata è già predisposta per l’upgrade a una nuova tecnologia in corso di sviluppo che prevede l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per valutare le performance dello studente e la connessione a un network mondiale di eccellenza odontoiatrica. La Facoltà di Odontoiatria della Federico II parteciperà al progetto di validazione di questa tecnologia grazie al team del professore Rengo.

La Scuola Odontoiatrica dell’Università Federico II è la seconda in Italia dopo La Sapienza. Il corso ammette 60 studenti ogni anno, mentre il corso di Laurea Magistrale in Igiene Dentale conta 20 ammissioni. Si aggiungono tre scuole di specializzazione (Ortognatodonzia, Chirurgia Orale ed Odontoiatria Infantile con 30 specializzandi circa per anno), 8 Master e numerosi corsi di perfezionamento con circa 300 iscritti ogni anno.

L’Ue avverte: “Chi ostacolerà le elezioni in Libia rischia sanzioni”

ROMA – In vista della seconda Conferenza internazionale sulla Libia che si terrà a Berlino domani, il Consiglio europeo ha avvertito che chiunque cercherà di ostacolare o far slittare le elezioni generali del 24 dicembre sarà soggetto a sanzioni. Il vertice – a cui parteciperanno solo i ministri degli Esteri dei Paesi coinvolti – è stato organizzato…

Berlusconi sogna il ‘Centro Destra Italiano’ con Lega e Fdi e annuncia: “Tornerò presto”

ROMA – Il Centro Destra Italiano, un partito unico con Lega e Fdi sul modello del Partito repubblicano americano. E’ il “sogno” di Silvio Berlusconi che oggi, in collegamento telefonico con Lamezia Terme, ha anche battezzato il nuovo partito che immagina per le elezioni politiche del 2023. Intervenuto alla presentazione della candidatura di Roberto Occhiuto…

Intervento record al Rizzoli di Bologna: corretta una schiena curva di 100 gradi

BOLOGNA – Nuovo intervento record al Rizzoli. Gli specialisti dell’istituto ortopedico di Bologna sono riusciti, per la prima volta, a curare una cifosi (cioè la curvatura in avanti della colonna vertebrale) di ben 100 gradi che costringeva la paziente, una donna di 54 anni, sulla sedia a rotelle. Per riportare dritta la schiena, i medici…