Massacro di Srebrenica, confermato l’ergastolo per l’ex generale Ratko Mladic

massacro-di-srebrenica,-confermato-l’ergastolo-per-l’ex-generale-ratko-mladic

ROMA – Confermata oggi la condanna all’ergastolo nei confronti di Ratko Mladic, ex generale comandante delle forze serbo-bosniache giudicato responsabile dell’uccisione di oltre 8mila persone a Srebrenica nel 1995. A deciderlo nella città olandese dell’Aja i magistrati del Tribunale penale dell’Onu per la ex Jugoslavia, che hanno ritenuto insufficienti le motivazioni con le quali Mladic aveva presentato ricorso in appello contro la sentenza di primo grado. Nel 2017 l’ex generale era stato giudicato colpevole di genocidio, crimini di guerra e contro l’umanità. Nella città di Srebrenica furono uccise oltre 8mila persone, perlopiù uomini e ragazzi bosniaci di religione musulmana.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it>

L’articolo Massacro di Srebrenica, confermato l’ergastolo per l’ex generale Ratko Mladic proviene da Ragionieri e previdenza.

Nieddu: “La Sardegna non andrà in zona gialla”

CAGLIARI – “Chiariamo una volta per tutte che la Sardegna non andrà in zona gialla. Sono tutti convinti che con il raggiungimento del 10% di terapie intensive il passaggio sia automatico, non è così”. A ribadirlo è l’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu, parlando con i giornalisti prima della riunione della commissione Salute del Consiglio…

La Torre: “L’oro di Jacobs? Solo chi non lo conosce può avere dubbi”

Dalla nostra inviata Erika Primavera TOKYO – “Ho letto cosa scrivono alcuni giornalisti stranieri: non sta scritto da nessuna parte che il vincitore dei 100 metri delle Olimpiadi debba essere per forza americano o anglosassone. Soltanto chi non conosce il percorso di Marcell e la maniacalità dei suoi allenamenti può avere qualche dubbio”. Così il…

Il Canada accoglierà tre atleti del team rifugiati di Tokyo 2020

ROMA – Il Canada è il primo Paese a decidere di accogliere tre degli atleti della squadra dei 29 rifugiati presente alle Olimpiadi di Tokyo 2020 grazie a un programma congiunto tra il Comitato internazionale olimpico (Cio) e l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr). Tre corridori mezzofondisti sudsudanesi – Paulo Amotun Lokoro, Nathike Lokonyen…