Lombardia, Rozza(Pd): bando di cui parla Franco è per affittacamere

“Non per lavoratori aeroportuali e famiglie bisognose”

Milano, 3 apr. (askanews) – “Il bando non è certo per famiglie bisognose, e tanto meno per lavoratori aeroportuali, come non lo è, come è stato già raccontato, per infermieri e forze dell’ordine, ma per affittacamere. E l’assessore Franco non può continuare a girare l’Italia raccontando favole”. Così in una nota la consigliera regionale lombarda del Pd Carmela Rozza in risposta all’assessore alla Casa Paolo Franco, che oggi ha dichiarato che il bando regionale di housing sociale incrementerà l’offerta di abitazioni a canoni sostenibili che potranno essere destinate anche ai lavoratori aeroportuali.

“Se il bando da 14 milioni di euro, di cui anche oggi è tornato a parlare Franco, realmente fosse destinato ai servizi abitativi sociali e quindi a lavoratori e famiglie che non riescono ad accedere al mercato privato degli affitti o dei mutui e non hanno i requisiti per avere una casa popolare, non potremmo che applaudire. In realtà non è così. Non sono, come lascia intendere Franco, i cittadini a poter presentare domanda per un alloggio, perché il bando è rivolto agli operatori, pubblici e privati, a cui destina un contributo a fondo perduto per realizzare camere e posti letto. Non si tratta quindi di una risposta al bisogno di alloggi delle famiglie” ha ribadito.

“I fondi abitativi sociali devono essere destinati alla realizzazione di alloggi aggiuntivi al patrimonio pubblico, per rispondere all’enorme bisogno di abitazione delle famiglie, non essere dati a privati ed enti a fondo perduto” ha aggiunto.