L’ira di Lipu e Wwf per il concerto di Max Gazzè sul monte Cusna

l’ira-di-lipu-e-wwf-per-il-concerto-di-max-gazze-sul-monte-cusna

REGGIO EMILIA – Uno “scempio ad alta quota”. Lo denunciano le associazioni ambientaliste Lipu e Wwf, che sbarrano il passo al concerto di Max Gazzè organizzato il prossimo 27 luglio sul monte Cusna, a 2.065 metri di quota, in provincia di Reggio Emilia. “Non siamo certamente contrari all’organizzazione di eventi culturali sul nostro territorio, anche all’interno di ambienti naturali- commentano le associazioni- ma ci chiediamo però come sia stato possibile organizzare un evento di tale portata nel bel mezzo di habitat prioritari, pensando di far confluire un migliaio di persone sul tetto dell’Appennino Reggiano, in pieno Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano”.

È “incredibile- aggiungono- come nel 2021 si debba ancora ricordare ovvietà come il fatto che le aree protette hanno prioritariamente la funzione di tutelare ambienti, fauna e flora, e non sono compatibili con eventi ad alto impatto, come un concerto da mille spettatori”. Dunque “ben venga la promozione di attività culturali, ma iniziative così impattanti devono essere svolte in luoghi idonei, come le piazze dei paesi o i campi da calcio”.

Lipu e Wwf chiedono inoltre “se sia stato correttamente seguito l’iter per l’ottenimento delle autorizzazioni necessarie (ad esempio se sia mai stata redatta e accuratamente valutata, ancor prima dell’organizzazione del concerto, una specifica valutazione di incidenza), sia da parte degli organizzatori che da parte del Comune di Villa Minozzo”. E avvisano che “in mancanza di risposte tempestive e soddisfacenti, non ci limiteremo ad un comunicato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo L’ira di Lipu e Wwf per il concerto di Max Gazzè sul monte Cusna proviene da Ragionieri e previdenza.

Nieddu: “La Sardegna non andrà in zona gialla”

CAGLIARI – “Chiariamo una volta per tutte che la Sardegna non andrà in zona gialla. Sono tutti convinti che con il raggiungimento del 10% di terapie intensive il passaggio sia automatico, non è così”. A ribadirlo è l’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu, parlando con i giornalisti prima della riunione della commissione Salute del Consiglio…

La Torre: “L’oro di Jacobs? Solo chi non lo conosce può avere dubbi”

Dalla nostra inviata Erika Primavera TOKYO – “Ho letto cosa scrivono alcuni giornalisti stranieri: non sta scritto da nessuna parte che il vincitore dei 100 metri delle Olimpiadi debba essere per forza americano o anglosassone. Soltanto chi non conosce il percorso di Marcell e la maniacalità dei suoi allenamenti può avere qualche dubbio”. Così il…

Il Canada accoglierà tre atleti del team rifugiati di Tokyo 2020

ROMA – Il Canada è il primo Paese a decidere di accogliere tre degli atleti della squadra dei 29 rifugiati presente alle Olimpiadi di Tokyo 2020 grazie a un programma congiunto tra il Comitato internazionale olimpico (Cio) e l’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr). Tre corridori mezzofondisti sudsudanesi – Paulo Amotun Lokoro, Nathike Lokonyen…