Un “patto con l’Europa” che dia tempo (e margini) all’Italia per investire e crescere, la revisione immediata degli accordi di Dublino sulla gestione dei flussi migratori e l’avvio di un dibattito che porti alla modifica delle regole del Patto di Stabilità. A……

Continua a leggere sul sito di riferimento