L’azienda non paga i tamponi: autisti Tper verso lo sciopero

l’azienda-non-paga-i-tamponi:-autisti-tper-verso-lo-sciopero

BOLOGNA – Si va verso lo sciopero dei bus a Bologna per il Green pass. Nessun accordo infatti sulla gratuità dei tamponi per i dipendenti Tper all’incontro tenuto questa mattina tra il sindacato di base Usb e l’azienda di via Saliceto. La direzione, riferisce il sindacato, “si è mostrata totalmente indisponibile nel considerare la possibilità di garantire l’accesso gratuito ai tamponi per i dipendenti”. Di qui la decisione di tenere un presidio davanti alla prefettura già venerdì 22 mattina alle 10.30 e soprattutto di andare verso lo sciopero.

“L’indisponibilità di Tper, a differenza di diverse altre grandi aziende del territorio- fa sapere Usb- costringe la nostra organizzazione sindacale a procedere verso l’indizione di uno sciopero del personale”. Tper garantisce il trasporto pubblico nell’area di Bologna e nel ferrarese.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo L’azienda non paga i tamponi: autisti Tper verso lo sciopero proviene da Ragionieri e previdenza.

Schiano di Visconti: “No ad assunzioni di parenti dei consiglieri in tutti gli uffici regionali”

“Vittoria del centrodestra e soprattutto di Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale con l’adozione da parte dell’ufficio di presidenza del nuovo provvedimento normativo che estende...

Covid, in Giappone gli esperti confermano: “Omicron più contagiosa ma sintomi più lievi”

FUKUOKA – Secondo l’Istituto nazionale del Giappone per le malattie infettive, “le persone infette dalla variante omicron del coronavirus mostrano la tendenza a manifestare sintomi lievi o assenti, sebbene l’infettività della variante sia più forte di quella della variante delta, che sta rapidamente rimpiazzando dovunque”. “Il rischio che le persone sviluppino sintomi gravi dopo essere…

Myanmar, Aung San Suu Kyi condannata a 4 anni al primo processo

ROMA – Un tribunale del Myanmar ha condannato oggi a quattro anni di reclusione Aung San Suu Kyi, la premio Nobel per la pace, alla guida dalla fine degli anni Ottanta del movimento che si oppone all’autoritarismo dei militari. A darne notizia è stato il portavoce della giunta che l’1 febbraio scorso ha rovesciato le…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: