Lavoratori Whirlpool sul piedi di guerra: “È un inferno, vogliamo garanzie”

lavoratori-whirlpool-sul-piedi-di-guerra:-“e-un-inferno,-vogliamo-garanzie”

ROMA – I lavoratori Whirlpool sono sul piede di guerra. Sono giunti a Roma per il tavolo convocato al Ministero dello Sviluppo Economico per scongiurare i licenziamenti nello stabilimento napoletano e giurano di non volersene andare finché non avranno “garanzie sul posto di lavoro”. Sono arrivati da oltre un’ora, il tavolo è cominciato da poco ma senza la presenza delle figure più attese, i ministri. “Da tre anni siamo in un limbo, per non dire un inferno”, spiega Carmen. “Da tre anni chiediamo di avere il nostro lavoro, non se ne può più, è inaudito”. La tensione sale quando anche tra i lavoratori giunge la notizia dell’assenza al tavolo dei ministri, impegnati poco distanti dal ministero in Cdm, e nemmeno delle sottosegretaria al Mise Alessandra Todde. “Ministri di cosa?- chiede sarcastica Carmen- loro sono diplomatici”. Qualcun altro chiede quando arriveranno i ministri, se c’è un orario di conclusione del Cdm. Ma non c’è alcuna risposta e qualcuno si spazientisce. Altri si sorprendono dell’assenza della Todde, di solito presente nei precedenti incontri. “Adesso non abbiamo date- conclude Carmen- il nostro riferimento è oggi e per noi non c’è fine a questa giornata finché non avremo garanzie”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Lavoratori Whirlpool sul piedi di guerra: “È un inferno, vogliamo garanzie” proviene da Ragionieri e previdenza.

Schiano di Visconti: “No ad assunzioni di parenti dei consiglieri in tutti gli uffici regionali”

“Vittoria del centrodestra e soprattutto di Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale con l’adozione da parte dell’ufficio di presidenza del nuovo provvedimento normativo che estende...

Covid, in Giappone gli esperti confermano: “Omicron più contagiosa ma sintomi più lievi”

FUKUOKA – Secondo l’Istituto nazionale del Giappone per le malattie infettive, “le persone infette dalla variante omicron del coronavirus mostrano la tendenza a manifestare sintomi lievi o assenti, sebbene l’infettività della variante sia più forte di quella della variante delta, che sta rapidamente rimpiazzando dovunque”. “Il rischio che le persone sviluppino sintomi gravi dopo essere…

Myanmar, Aung San Suu Kyi condannata a 4 anni al primo processo

ROMA – Un tribunale del Myanmar ha condannato oggi a quattro anni di reclusione Aung San Suu Kyi, la premio Nobel per la pace, alla guida dalla fine degli anni Ottanta del movimento che si oppone all’autoritarismo dei militari. A darne notizia è stato il portavoce della giunta che l’1 febbraio scorso ha rovesciato le…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: