Lanciato il ‘Manifesto per la nuova Scuola’

lanciato-il-‘manifesto-per-la-nuova-scuola’

ROMA – Otto proposte per cambiare l’istruzione in Italia. A lanciare il ‘Manifesto per la nuova Scuola’ sono un nutrito gruppo di docenti e una schiera di intellettuali che hanno deciso di scrivere al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per indicare le urgenze che vanno affrontate al più presto. Tra i firmatari spuntano i nomi di Alessandro Barbero, Luciano Canfora, Chiara Frugoni, Carlo Ginzburg, Vito Mancuso , Dacia Maraini, Tomaso Montanari, Filippomaria Pontani, Adriano Prosperi, Massimo Recalcati, Salvatore Settis e Gustavo Zagrebelsky.

L’appello, lanciato sulla piattaforma ‘Charge’ ha già raccolto oltre sei mila adesioni. 

I punti sollevati sono molto concreti. Il primo: la scuola come luogo della relazione umana e del rapporto intergenerazionale. “L’idea – scrivono i promotori – che la scuola possa essere incentrata sulla semplice acquisizione di “competenze” è profondamente sbagliata, sia perché applica a un ambito, quello scolastico, categorie nate in tutt’altro ambito, quello cioè dell’azienda e della produttività lavorativa, sia perché esclude appunto la dimensione integralmente umana, centrale nella scuola e nei processi lunghi e non lineari dell’apprendimento e della crescita”. 

Secondo suggerimento: una scuola della conoscenza. “Solo attraverso il confronto con i contenuti culturali, la loro elaborazione e acquisizione – a partire da un’approfondita e reale alfabetizzazione – gli studenti potranno diventare cittadini liberi e consapevoli, in grado di contribuire a un autentico progresso della società. Senza l’istruzione delle nuove generazioni, la stessa democrazia è svuotata di sostanza”, cita il manifesto. 

E ancora: un giusto rapporto tra mezzi e fini “Va restituito – dicono docenti e intellettuali – il giusto posto alla libertà di insegnamento (spesso schiacciata e conculcata dall’imposizione di mode di scarsissimo valore didattico e culturale), nel segno di un’istruzione il più possibile ricca e plurale e della responsabilità educativa degli insegnanti. Bisogna ricordare come gli insegnanti siano degli intellettuali e dei professionisti, il cui compito non è quello di applicare burocraticamente e passivamente delle decisioni prese altrove, ma quello di trovare di volta in volta i mezzi più adatti per l’insegnamento”. 

C’è spazio anche per una critica sul mancato coinvolgimento degli insegnanti nelle ‘riforme’ degli ultimi vent’anni: “I decisori politici, prima di ipotizzare qualunque “riforma”, dovrebbero interloquire con gli esperti della trasmissione culturale e quelli dell’età evolutiva – insegnanti, psicoanalisti, intellettuali, educatori – e non con i rappresentanti di associazioni private – Fondazione Agnelli, Treelle, Anp, Invalsi – che rappresentano e perseguono appunto interessi privati”. 

L’appello affronta anche il tema del reclutamento e della formazione degli insegnanti e della centralità all’ora di lezione. “Se davvero si vuole recuperare il tempo perduto, occorre eliminare ciò che non è apprendimento e insegnamento: via gli inutili percorsi di ‘alternanza scuola-lavoro’ (ora PCTO), da sostituire semmai con stage sensati e non obbligatori, se e quando ne valga la pena, fuori dall’orario scolastico e su decisione dei consigli di classe;  via i test Invalsi, che sottraggono settimane di tempo all’attività scolastica senza che se ne siano mai chiariti il senso, la funzione e l’utilità;  via i progetti non indispensabili che fanno dimenticare da decenni che l’unico vero, utile, indispensabile progetto che la scuola offre è l’ora di lezione; via il Rav, le programmazioni ipertrofiche e standardizzate e tutti quei documenti in cui la descrizione astratta e burocratica dell’insegnamento prende il posto dell’insegnamento stesso, in una continua e paradossale certificazione del nulla;  via i Ptof cervellotici che prendono a pretesto le presunte esigenze dei ‘territori’”. 

Nella lista stesa c’è anche il tema dell’autonomia scolastica e del numero di alunni in aula: “Occorre diminuire nettamente il numero di studenti per classe, in modo che gli insegnanti possano davvero dedicare tempo e attenzione alle esigenze di ogni studente, operazione oggi più fattibile grazie ai previsti finanziamenti europei”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Lanciato il ‘Manifesto per la nuova Scuola’ proviene da Ragionieri e previdenza.

L’Ue avverte: “Chi ostacolerà le elezioni in Libia rischia sanzioni”

ROMA – In vista della seconda Conferenza internazionale sulla Libia che si terrà a Berlino domani, il Consiglio europeo ha avvertito che chiunque cercherà di ostacolare o far slittare le elezioni generali del 24 dicembre sarà soggetto a sanzioni. Il vertice – a cui parteciperanno solo i ministri degli Esteri dei Paesi coinvolti – è stato organizzato…

Berlusconi sogna il ‘Centro Destra Italiano’ con Lega e Fdi e annuncia: “Tornerò presto”

ROMA – Il Centro Destra Italiano, un partito unico con Lega e Fdi sul modello del Partito repubblicano americano. E’ il “sogno” di Silvio Berlusconi che oggi, in collegamento telefonico con Lamezia Terme, ha anche battezzato il nuovo partito che immagina per le elezioni politiche del 2023. Intervenuto alla presentazione della candidatura di Roberto Occhiuto…

Intervento record al Rizzoli di Bologna: corretta una schiena curva di 100 gradi

BOLOGNA – Nuovo intervento record al Rizzoli. Gli specialisti dell’istituto ortopedico di Bologna sono riusciti, per la prima volta, a curare una cifosi (cioè la curvatura in avanti della colonna vertebrale) di ben 100 gradi che costringeva la paziente, una donna di 54 anni, sulla sedia a rotelle. Per riportare dritta la schiena, i medici…