La proposta di Moggi: “Nessuno vesta la 10 di Diego”

“Sono convinto anche io che il miglior omaggio che si possa fare per rendere ancora più immortale la memoria di Diego sarebbe quello di ritirare la maglia numero 10 dall’ambiente calcistico, perché di numero 10 ne è esistito solo uno, Diego Armando Maradona”. Così Luciano Moggi, ex dirigente del Napoli, ai microfoni di Supergoal, il programma condotto da Mariù Adamo in onda su TvLuna.

“Negli ultimi giorni si è detto di tutto su Diego, ma chi non lo ha conosciuto non può sapere chi è stato veramente. Per anni è stato bistrattato dalla stampa e da tanti giornalisti che oggi invece lo osannano. Indubbiamente è difficile scindere l’uomo dal fuoriclasse, ma vi assicuro che Diego era un fenomeno sia dentro che fuori dal campo. Un ragazzo altruista, certamente folle per certi versi, che conosceva i valori della vita essendo nato in un ghetto poverissimo di Buenos Aires e che ha fatto di tutto per riuscire nel suo sogno. Un uomo – ha concluso Moggi – che ha avuto un impatto sociale incredibile sul popolo napoletano, permettendo ad esso di essere conosciuto in tutto il mondo”.

Vandoorne vince E-Prix di Roma, gara 4 Mondiale

ROMA – Il secondo E-Prix di Roma, quarto round del Mondiale di Formula E, si chiude con la vittoria di Stoffel Vandoorne su una Mercedes EQ che firma il proprio riscatto in pista. Gara ancora una volta, come ieri, caratterizzata dalla partenza dietro alla safety car per colpa dell’asfalto bagnato dalla pioggia. Vandoorne prende il…

Papa Francesco: “Condividere proprietà non è comunismo, ma cristianesimo allo stato puro”

ROMA – “Così hanno fatto i discepoli: misericordiati, sono diventati misericordiosi. Lo vediamo nella prima Lettura. Gli Atti degli Apostoli raccontano che ‘nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune’. Non è comunismo, è cristianesimo allo stato puro”. Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia della Santa Messa nella Festa…

Covid, in Puglia vaccino a over 60 senza prenotazione

ROMA – A partire da domani “l’accesso alla vaccinazione per tutte le persone di età superiore ai 60 anni che non si trovano in condizione di estrema vulnerabilità e/o di disabilità grave è consentito senza alcuna preventiva conferma di adesione o prenotazione”. È quanto si legge in una circolare inviata alle Asl pugliesi dalla Regione…