il-piu-grave-incidente-stradale-della-storia-d8217italia

I video dei telefonini raccolti raccontano di un viaggio di ritorno allegro, con i passeggeri che scherzano, parlano, qualcuno canta anche.

Tutto accade alle 19,30 di domenica 28 luglio 2013. Il bus Volvo bianco percorre l’autostrada A16 Napoli – Canosa, imboccata al casello di Benevento, per dirigersi verso Napoli e poi a Pozzuoli, dove la maggior parte dei viaggiatori risiede. Ma il pullman guidato da Ciro Lametta, partito da Pozzuoli 3 giorni prima per andare a Telese Terme e Pietralcina, a Pozzuoli non arriverà mai.

I rumori sospetti

Superata l’uscita Avellino Est i passeggeri avvertono sotto il pianale del bus strani rumori, via via più forti. Il mezzo supera l’uscita di Avellino Ovest e comincia la lunga salita in territorio di Monteforte Irpino. C’è un tunnel e lì i rumori si avvertono distintamente. Nel bus cala il silenzio e i passeggeri cominciano a mugugnare e a chiedere all’autista di fermarsi e di controllare cosa stia accadendo. Ciro Lametta tira dritto. Ma dopo il tunnel comincia una lunga discesa, ed è in quel momento che un giunto dell’albero di trasmissione si rompe e trancia l’impianto frenante.

Leggi anche: assolti l’ad e i dirigenti di Autostrade

Neppure il freno motore riesce a far rallentare la marcia.

 » Continua a leggere sul sito di riferimento