I medici dell’emergenza-urgenza “lavorano il doppio ma li pagano la metà”

REGGIO EMILIA – Lavorano “il doppio, ma li pagano la metà”: succede ai medici dell’emergenza-urgenza in forza all’Ausl di Reggio Emilia. Quando hanno aperto i cedolini delle buste paga si sono trovati gli straordinari pagati meno delle ore ordinarie. A segnalare l’accaduto è lo Snami di Reggio Emilia. “A seguito di un (dis)accordo aziendale dove l’Azienda ha di fatto pensato di escludere il confronto con lo Snami, il sindacato maggiormente rappresentativo del settore 118, oggi sono stati pubblicati i cedolini stipendiali dei medici 118 nell’Ausl di Reggio Emilia e i medici si sono ritrovati con le ore straordinarie, le tantissime ore straordinarie, pagate meno di quelle ordinarie, con perdite economiche lorde, per i medici che si sono ‘fatti il mazzo di più’ per tenere aperta la baracca, di migliaia di euro“. Inoltre, “nemmeno i rimborsi dei chilometri sono stati pagati”.

E IL SINDACATO DEI MEDICI SI CHIEDE: SIAMO DI FRONTE A INCOMPETENZA A O VESSAZIONE?

Messi in fila questi fatti, “ci si chiede se questa azione sia l’ennesima deliberata azione vessatoria nei confronti dei medici, o derivi da quell’accordo aziendale appena siglato, o dall’incompetenza della catena di comando che dovrebbe garantire che il personale dell’emergenza, quello che piu’ manca, sia trattato decentemente”, contesta infine lo Snami.

LEGGI ANCHE: Carenza medici emergenza, Snami Bologna: allargare partecipazione ai 200 candidati ai bandi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Rebellin, il ciclismo piange il campione

Da Nibali a Cipollini il ricordo dei protagonisti del pedale Roma, 30 nov. (askanews) - La tragica morte di Davide Rebellin ha sconvolto il mondo del ciclismo. "Rimango tremendamente scioccato nell'apprendere questa triste notizia. Che la terra ti sia lieve, R.I.P. Davide", ha commentato sui social Vincenzo Nibali, a lungo suo compagno di nazionale. Poi

Mattarella rinsalda rapporti con Svizzera, siamo amici profondi. Stoppare cervelli in fuga

A Politecnico Zurigo incontra studenti e ricercatori italiani: dobbiamo offrirgli prospettive Zurigo, 30 nov. (askanews) - Oltre 110mila tra studenti e ricercatori italiani studiano e lavorano nel Politecnico di Zurigo, eccellenza della tecnologia nel cuore dell'Europa. E' qui che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha scelto di concludere la sua visita di Stato in

Occhiuto: in Calabria con me tolleranza zero su reati ambientali

"Difesa del suolo e lotta all'abusivismo in cima all'agenda politica" Roma, 30 nov. (askanews) - "Da un anno a questa parte, nella mia Regione, da quando mi sono insediato c'è tolleranza zero sui reati ambientali, non solo quelli relativi all'abusivismo ma anche quelli relativi alla mala depurazione, quelli relativi agli incendi boschivi. Per la prima
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: