I margini di New York, Antonio Rovaldi al Politecnico di Milano

Il senso di un confine e il lavoro di un artista con una visione

Milano, 24 gen. (askanews) – New York è la città che più di qualunque altra rappresenta il sogno e le possibilità del moderno. Ma cosa c’è oltre le sue luci, nei terreni di confine al di là dei celebri distretti? Antonio Rovaldi, fotografo e artista capace di un vero sguardo, ha battuto a piedi i territori dove la città-mondo finiva e ne ha ricostruito un ritratto intenso e poetico, una storia fatta di immagini e parole che ha spinto più in là le sensazioni intorno a un luogo leggendario e, forse per questo, realmente sconosciuto. Il progetto, realizzato da Rovaldi nel 2016, ha girato diversi musei e ora è arrivato al Politecnico di Milano, dove una nuova esposizione con fotografie, video e suoni, riporta il pubblico dentro la pratica dell’artista, dentro i suoi percorsi, le sue peregrinazioni, le sue visioni. E riformula, in modo visibile e soprattutto, per molti versi, riconoscibile la descrizione dell’idea di confine, luogo spurio, sperduto, quasi casuale. Ma in realtà profondamente significante e contemporaneo.

La mostra “End. Words from the Margins. New York City” è aperta al pubblico fino al 17 marzo nella Galleria del Progetto del Politecnico e per ampliare il discorso sull’idea stessa di città è contigua a un’esposizione dedicata allo studio di architettura SANAA.

VIDEO | Al Lago di Ledro dopo due anni torna il Tuffo della Merla, è un successo

BOLOGNA – "Ci sono solo 5 gradi, niente di che". Questa frase riassume bene lo spirito ‘pazzo’ e temerario alla base del tradizionale "tuffo della merla" nelle acque (solitamente ghiacciate) del lago di Ledro negli ultimi giorni di gennaio. L’iniziativa, che in Trentino Alto Adige ha una storia ormai consolidata, è andata in scena nuovamente

Il Papa in partenza per il Congo, l’appello: “C’è un buco nero dell’informazione, il mondo apra gli occhi”

ROMA – Rompere il silenzio sui conflitti armati in Congo, un Paese vittima della propria stessa ricchezza, coltan, cobalto e "terre rare", sulle quali vogliono mettere le mani governi e multinazionali dell’industria elettronica: è l’appello che arriva da Roma, a pochi giorni dalla visita apostolica a Kinshasa di Papa Francesco. Le voci sono quelle di

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen. (askanews) - E' morto Ludovico Di Meo, giornalista con una lunga carriera in Rai, direttore generale di San Marino Rtv. Così il sito dell'emittente ha comunicato la notizia: "Una notizia che sconvolge la San Marino Rtv. Questa mattina, a Roma, è morto il direttore generale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: