giovedì, Luglio 18, 2024

Gaza, Israele libera quattro ostaggi: messi in salvo in due raid

Dall'Italia e dal MondoGaza, Israele libera quattro ostaggi: messi in salvo in due raid

(Adnkronos) – L’esercito israeliano ha liberato quattro ostaggi in mano ad Hamas in un’operazione nel centro della Striscia di Gaza. Lo rende noto l’Idf, specificando che si tratta di Noa Argamani, Almog Meir Jan, Andrey Kozlov, e Shlomi Ziv. I quattro erano stati rapiti il 7 ottobre durante l’attacco di Hamas al festival musicale Supernova. L’operazione è stata condotta dalle Idf con lo Shin Bet e la polizia israeliana. 

Ad una prima valutazione medica, le condizioni mediche dei quattro appaiono buone, ma sono ora stati portati all’ospedale per ulteriori controlli. L’operazione è stata condotta dalle forze speciali che hanno effettuato raid simultanei in siti di Hamas a Nuseirat. In uno è stata messa in salvo Argamani mentre gli altri tre sono stati trovati nel secondo sito, si legge su Times of Israel.  

“Idf, Isa e forze speciali hanno condotto una complessa, eroica operazione per mettere in salvo quattro ostaggi tenuti da Hamas a Gaza e portarli a casa in Israele. Continueremo a combattere fino a quando i 120 ostaggi saranno a casa”. E’ quanto afferma intanto su X il ministro della Difesa, Yoav Gallant, affermando che gli israeliani sono “travolti dalla gioia” per la liberazione dei quattro ostaggi.  

Dopo la notizia della liberazione dei quattro ostaggi, il ministro del gabinetto di guerra, Benny Gantz, ha invece annullato il discorso di questa sera durante il quale, secondo ogni previsione, avrebbe annunciato il ritiro del sostegno del suo partito al governo Netanyahu. “Anche oggi il mio pensiero va a tutte le famiglie degli ostaggi, siamo impegnati a fare di tutto per portarli a casa”, quanto ha detto il ministro affermando di avere “il cuore pieno” per la liberazione dei quattro ostaggi oggi a Gaza. “Voglio lodare i soldati delle forze israeliane, Yaman, Shin Bet per la complicata e coraggiosa operazione che è stata pianificata ed eseguita in modo ammirevole”, ha aggiunto. 

 

Noa, la 25enne israeliana rapita da Hamas durante il festival e diventata simbolo del 7 ottobre, ha quindi riabbracciato il padre sull’autobus che la portava all’ospedale di Tel Hashomer subito dopo essere stata liberata insieme agli altri tre ostaggi. E’ quanto mostra un video postato sui social. 

Noa era stata rapita lo scorso ottobre al rave nel deserto del Negev. La studentessa di 25 anni era diventata uno dei volti più noti della crisi – che non termina oggi con la sua liberazione, insieme ad altre tre persone – dopo la diffusione del video in cui veniva portata via da Hamas sul sellino posteriore di una motocicletta, strappata dalle mani del fidanzato. Una clip di dieci secondi in cui si vede la ragazza in lacrime. La mamma di Noa è paziente oncologica, con un tumore al cervello. Il suo più grande desiderio in questi mesi è stato quello di vivere abbastanza per rivedere la figlia a casa. Oggi sono state diffuse le immagini dell’abbraccio di Noa con il padre Yaakov. 

“Non ti abbiamo dato per persa neanche per un momento. Non so se tu lo credevi, ma noi lo credevamo e sono felice che sia successo”. E’ quanto ha detto Benjamin Netanyahu nella telefonata con la ragazza, avvenuta poco dopo la sua liberazione.  

“Rimettiti con la tua famiglia, e abbraccia anche tua madre”, ha aggiunto il premier israeliano parlando con la ragazza che si è detta “molto emozionata” di parlare in ebraico di nuovo. “In ebraico ed a casa questo è importante”, ha aggiunto Netanyahu. Anche il presidente Isasc Herzog ha parlato con Noa dicendole che “l’abbraccia a nome di tutta la nazione di Israele”. 

Insieme a Noa, Almog e Shlomi, è stato liberato oggi anche Andrei Kozlov, un altro dei partecipanti al Supernova. Kozlov, che ha 27 anni, è nato a San Pietroburgo, e si era trasferito in Israele solo da un anno e mezzo lo scorso autunno, lavorava per la sicurezza dell’evento. Al momento del raid di Hamas, stava comunicando via messaggi con il padre, a cui aveva detto che sentiva il rumore di spari intorno a lui. Ad alcuni amici aveva scritto un messaggio drammatico in cui denunciava di non aver un posto in cui nascondersi. Per la sua liberazione, così come quella di altri tre ostaggi con cittadinanza anche russa, Aleksandr Lobanov e Aleksandr Trufanov, si era espresso anche il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov. Kozlov era arrivato in Israele con un programma di internship Masa. Viveva a Rishon Lezion, fuori Tel Aviv. La madre si è trasferita in Israele dopo il suo rapimento. 

Anche Almog Meir, di 21 anni, e Shlomi Ziv, di 41, erano stati rapiti al rave. Meir, come Noa, era al rave come ospite, Ziv, come Kozlov, per lavorare. Ziv, sposato, da 17 anni insieme alla moglie Meran, è un arredatore e stava per iniziare un nuovo lavoro quando ne ha accettato un altro, per aiutare al festival il cugino della moglie, Aviv Eliyahu. Questi, che era direttore della sicurezza, è stato ucciso. Meir è residente a Or Yehuda, nel centro di Israele. Era entusiasta per il Rave che aspettava da mesi. Alle 7.45 del mattino del sette ottobre, ha chiamato la madre, Orit, per chiederle di accendere il televisore. “L’esercito ha fatto finire la festa. Ci sono razzi che arrivano da tutte le direzioni e ci sparano contro. Non so cosa stia accadendo ma cercherò di chiamarti ogni ora. Ti voglio bene”, le aveva detto. 

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles