FOTO | Dopo le bollette, a Bologna in vetrina le buste paga “di merda”

BOLOGNA – I commercianti hanno messo in vetrina le bollette per denunciare i rincari dell’energia? E a Bologna, il sindacato ‘risponde’ affiggendo buste paga povere; anzi, per dirla con i promotori dell’iniziativa, la sigla di base Sgb, “da fame” o “di merda”. In via Zampieri 10, zona Bolognina, “mettiamo una vetrina a disposizione delle lavoratrici e dei lavoratori che, nel rispetto dell’anonimato, ci chiedano di affiggere la loro” busta paga. E ce ne sono già cinque in bella vista.

IMPIEGATO DA 18 ANNI, MA PERDE L’ANZIANITÀ OGNI DUE

La prima, spiega sempre il sindacato in una nota,

 » Continua a leggere sul sito di riferimento

E Sgarbi parla via Facebook: “Il silenzio elettorale? Una grande stronzata”

BOLOGNA – “Il silenzio elettorale è una grande stronzata”. Parola di Vittorio Sgarbi, parlamentare uscente e candidato del centrodestra nell’uninominale di Bologna per il Senato, che alla vigilia del voto per le politiche interviene via Facebook e pubblica o rilancia sulla propria pagina i video-messaggi realizzati in suo sostegno da diversi volti noti. LEGGI ANCHE:

In India tempesta perfetta su scuola e case famiglia ‘made in Bologna’

BOLOGNA – Travolti dal “disastro perfetto”. La pandemia prima, la guerra poi e ora inflazione e stangata sulle bollette si sono abbattute su scuole e case famiglia attive in India ma ‘Made in Bologna’. È dal 1996 che un’organizzazione di Bologna, Namaste, opera in due Stati del sud del paese asiatico, Kerala e Tamil Nadu

La rabbia degli iraniani in piazza a Bologna: “Non lasceremo morire i nostri fratelli”

BOLOGNA – Cantano a squarciagola “azadi azadi azadi”, cioè “libertà” in persiano. Urlano “donna vita libertà”, “abbasso il dittatore” e “freedom for Iran”. Sono le iraniane e gli iraniani che oggi hanno manifestato a Bologna contro la morte di Mahsa Amini (la 22enne deceduta dopo essere stata arrestata a Teheran perché non indossava correttamente il
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: