Fedagripesca: bene rinnovo Ccnl della cooperazione alimentare

Sottoscritto con Fai, Flai e Uila, aumento 280 euro in 6 tranches

Roma, 15 mag. (askanews) – “Un’intesa importante che afferma il valore della cooperazione nel settore agroalimentare e che riconosce ai lavoratori del settore un importante aumento economico e nuove tutele normative”. Così Confcooperative Fedagripesca definisce l’accordo di rinnovo del Ccnl Cooperazione Alimentare 2023 – 2027 sottoscritto insieme a Legacoop Agroalimentare, Agci-Agrital con Fai, Flai e Uila.

Dal punto di vista salariale, l’incremento concordato a regime è pari a 280 euro suddiviso in sei tranches nell’arco della vigenza contrattuale.

Dal primo gennaio 2025 il welfare è stato incrementato di 1,5 euro sulla sanità integrativa a garanzia di maggiori prestazioni. Inoltre, verrà attivato un fondo garanzia vita collettiva per gli operai, saranno ampliate le forme di sostegno alla genitorialità e ci si attiverà per un sostegno concreto alle vittime di violenza di genere.

Una parte delle risorse sarà dedicata alle imprese e al sostegno economico dei progetti di formazione aziendale, sulla sicurezza lavoro e per avviare collaborazioni con gli ITS. Incrementato anche il contributo alla previdenza complementare per uno 0,3% in più.

Potenziati anche gli strumenti per la difesa e la tutela della persona, temi centrali della buona cooperazione, sia promuovendo un fondo per il sostegno alle vittime di violenza di genere, che potenziando gli strumenti di prevenzione e formazione rispetto ai temi della violenza di genere e più in generale del rispetto dell’inclusività di tutte e tutti i lavoratori.

Aumentato sia il periodo di comporto per malattia che garantisce la conservazione del posto di lavoro sia il trattamento economico di malattia, aumentandone il periodo di corresponsione al lavoratore. Nella parte normativa sono state introdotte alcune disposizioni che riconoscono una specificità cooperativa, come ad esempio causali ad hoc per la stipula di contratti a tempo determinato.