Ex paziente del Policlinico di Bari si tatua sul braccio la scritta “Covid 19 survivor”

ex-paziente-del-policlinico-di-bari-si-tatua-sul-braccio-la-scritta-“covid-19-survivor”

BARI – Un tatuaggio sulla parte interna dell’avambraccio, la scritta “Covid 19 survivor” e un disegno, quello del virione di coronavirus. È la scelta fatta da Nicola, ex paziente covid del Policlinico di Bari, che ha scoperto di essere positivo lo scorso 27 febbraio. In pochi giorni il suo quadro clinico è precipitato e il 2 marzo è stato ricoverato in Rianimazione dove ha trascorso un mese per riaprire i polmoni ostruiti dal virus. Prima è stato pronato, poi intubato. Il suo percorso di guarigione si è completato con la riabilitazione in ospedale e l’11 maggio è uscito da una esperienza che definisce “allucinante” e che ora porterà per sempre impressa sul braccio.

A rendere nota la storia è l’account Instagram del Policlinico di Bari. Nicola ha inviato un messaggio ai medici per ringraziarli: “Avete fatto il miracolo, non avete mollato, le avete tentate tutte e alla fine abbiamo vinto. Posso solo dirvi grazie per avermi salvato la vita”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Ex paziente del Policlinico di Bari si tatua sul braccio la scritta “Covid 19 survivor” proviene da Ragionieri e previdenza.

Schiano di Visconti: “No ad assunzioni di parenti dei consiglieri in tutti gli uffici regionali”

“Vittoria del centrodestra e soprattutto di Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale con l’adozione da parte dell’ufficio di presidenza del nuovo provvedimento normativo che estende...

Covid, in Giappone gli esperti confermano: “Omicron più contagiosa ma sintomi più lievi”

FUKUOKA – Secondo l’Istituto nazionale del Giappone per le malattie infettive, “le persone infette dalla variante omicron del coronavirus mostrano la tendenza a manifestare sintomi lievi o assenti, sebbene l’infettività della variante sia più forte di quella della variante delta, che sta rapidamente rimpiazzando dovunque”. “Il rischio che le persone sviluppino sintomi gravi dopo essere…

Myanmar, Aung San Suu Kyi condannata a 4 anni al primo processo

ROMA – Un tribunale del Myanmar ha condannato oggi a quattro anni di reclusione Aung San Suu Kyi, la premio Nobel per la pace, alla guida dalla fine degli anni Ottanta del movimento che si oppone all’autoritarismo dei militari. A darne notizia è stato il portavoce della giunta che l’1 febbraio scorso ha rovesciato le…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: