Ex operaio esposto all’amianto a Taranto risarcito con 500mila euro

ex-operaio-esposto-all’amianto-a-taranto-risarcito-con-500mila-euro

BARi – Per 26 anni ha lavorato scaricando scorie e come addetto piattaforma nel reparto acciaieria 1 e 2 ammalandosi di mesotelioma pleurico. Ora il tribunale del Lavoro di Taranto ha disposto che venga risarcito con mezzo milione di euro per i danni – di salute e morali – subiti. È quanto rende noto l’associazione Contramianto riportando stralci della sentenza emessa nei giorni scorsi.

L’operaio è stato impiegato nell’Italsider prima e nell’Ilva dopo dal 1974 al 2000. Tre anni fa è arrivata la diagnosi: tumore pleurico. Con l’aiuto dell’associazione e del fondo “Vittime amianto”, è stata inoltrata la richiesta di danno biologico e morale subito a causa del mesotelioma provocato dall’asbesto. “Nell’espletamento delle proprie mansioni di addetto discarica scorie e operatore piattaforma nelle acciaierie 1 e 2 dello stabilimento siderurgico di Taranto” l’operaio “è rimasto continuativamente esposto ad amianto – si legge nella sentenza – in particolare, egli modellava e applicava un cordone di amianto affinché la colata non fuoriuscisse dallo stampo”. Per il giudice l’attività lavorativa “determinava il distacco del coibente e la conseguente dispersione di polveri di amianto nell’ambiente di lavoro, che era chiuso”.

La sentenza evidenzia “la sussistenza del nesso causale tra l’attività lavorativa svolta e la patologia”. Per Luciano Carleo, responsabile di Contramianto “il risarcimento non ridarà la salute all’operaio ma riconosce la prolungata e ultra decennale esposizione all’amianto nell’Italsider poi Ilva di Taranto quale causa del mesotelioma pleurico sviluppatosi ad oltre quarant’anni dalla prima esposizione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Ex operaio esposto all’amianto a Taranto risarcito con 500mila euro proviene da Ragionieri e previdenza.

In Ecuador nativi in protesta: “La repressione non ci ferma”

ROMA – “La magnitudine della mobilitazione ha superato ormai quella del Paro nacional del 2019, e nonostante la repressione, le morti e la violenza delle forze di sicurezza, andremo avanti. Continueremo a reagire alle aggressioni dell’esercito e a cercare risposte reali alle nostre istanze”. Andres Tapia è il responsabile della comunicazione della Confederacion de Nacionalidades…

Salvini: “Sì al nucleare, la prima centrale fatela nella mia Milano”

ROMA – “Fatela nella mia Milano la prima grande innovativa centrale nucleare. La voglio nella mia zona a Baggio…”. Lo dice Matteo Salvini, segretario della Lega, intervenendo al convegno dei Giovani imprenditori di Confindustria. “Dico sì al nucleare e la prima centrale la voglio a Milano, capitale dell’innovazione”, aggiunge il leader del Carroccio, da tempo…

Cinema, per il premio ‘UnoSguardoRaro’ c’è tempo fino al 30 giugno per candidarsi

ROMA – La VII edizione di UnoSguardoRaro RDIFF – il primo Festival Internazionale di Cinema che seleziona e promuove le migliori opere video provenienti da tutto il mondo sul tema del convivere con una malattia rara, con la disabilità e, in generale, con la fragilità – si propone con una veste rinnovata. Questo Festival Cinematografico…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: