“E’ necessario sburocratizzare subito il superbonus”

 

Appello dell’Associazione tecnici e costruttori: altrimenti i fondi saranno tutti ko

 

NAPOLI – Nuovo SoS degli imprenditori edili di Napoli e della Campania alla classe politica per l’applicazione concreta del superbonus: ‘fate presto, sburocratizzate le procedure, garantite liquidità, consentite di recuperare anche immobili con piccoli abusi’.

Queste alcune delle richieste che l’Atc (Associazione tecnici e costruttori) guidata da Rossano Ricciardi, rivolge alle istituzioni, Governo ma anche Regione e Comuni, e sistema creditizio.

“L’ecobonus così come è stato concepito non può funzionare per le piccole imprese” spiega il presidente Ricciardi e aggiunge: “Ci sono troppi documenti da compilare con tempi che si allungano e condizionano l’inizio dei lavori e l’intera procedura appare burocratizzata”.

L’impresa, spiegano all’Atc, “poi deve aspettare di arrivare al 30% delle lavorazioni per ottenere il saldo dello stato di avanzamento dei lavori”.

“Ma cosa pensano i nostri politici? Credono forse che le piccole imprese possano andare in banca ed ottenere un prestito-ponte per sostenere i costi?” si chiede Ricciardi.

“Evidentemente non hanno compreso che veniamo da anni di crisi nel settore edile con ribassi inammissibili e pagamenti in ritardo o dopo cause che durano anni”.

Secondo l’Atc “se la legge non verrà modificata, diminuendo la burocrazia, consentendo di recuperare anche immobili che hanno piccoli abusi e pagando l’impresa a stato di avanzamento lavori in maniera concreta” l’ecobonus “metterà in crisi definitivamente il settore e comporterà la chiusura di molte piccole imprese che oggi sono il motore trainante dell’economia campana.

Le istituzioni facciano il loro dovere fino in fondo e sostengano gli operatori in questo difficile momento condizionato dall’emergenza covid che è sanitaria ma anche economica e sociale”.

VIDEO | Al Lago di Ledro dopo due anni torna il Tuffo della Merla, è un successo

BOLOGNA – "Ci sono solo 5 gradi, niente di che". Questa frase riassume bene lo spirito ‘pazzo’ e temerario alla base del tradizionale "tuffo della merla" nelle acque (solitamente ghiacciate) del lago di Ledro negli ultimi giorni di gennaio. L’iniziativa, che in Trentino Alto Adige ha una storia ormai consolidata, è andata in scena nuovamente

Il Papa in partenza per il Congo, l’appello: “C’è un buco nero dell’informazione, il mondo apra gli occhi”

ROMA – Rompere il silenzio sui conflitti armati in Congo, un Paese vittima della propria stessa ricchezza, coltan, cobalto e "terre rare", sulle quali vogliono mettere le mani governi e multinazionali dell’industria elettronica: è l’appello che arriva da Roma, a pochi giorni dalla visita apostolica a Kinshasa di Papa Francesco. Le voci sono quelle di

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen. (askanews) - E' morto Ludovico Di Meo, giornalista con una lunga carriera in Rai, direttore generale di San Marino Rtv. Così il sito dell'emittente ha comunicato la notizia: "Una notizia che sconvolge la San Marino Rtv. Questa mattina, a Roma, è morto il direttore generale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: