Cicciolina: “Ho offerto a Putin una notte di sesso per fermare la guerra in Ucraina”

cicciolina:-“ho-offerto-a-putin-una-notte-di-sesso-per-fermare-la-guerra-in-ucraina”

ROMA – Una notte di sesso con Vladimir Putin in cambio della pace in Ucraina. La proposta è di Cicciolina, al secolo Ilona Staller, che oggi a ‘Un Giorno da pecora’, su Rai Radio1 ha raccontato del singolare tentativo messo in atto per porre fine al conflitto bellico. “Ho fatto una proposta: offro a Putin una notte di sesso in cambio della pace per l’Ucraina e per il popolo russo. Ora attendo una risposta da Peskov e dai vertici russi”.

IL PRECEDENTE CON SADDAM HUSSEIN

Difficilmente però le risponderanno… “Non è vero. Quando ho fatto la stessa proposta a Saddam Hussein sono stata contattata. Anni fa, ai tempi della guerra in Iraq, proposi a Saddam una notte con me per la pace. E il portavoce di Saddam, contattato dall’ambasciatore iracheno, mi rispose, mi convocò e mi chiese come pensavo di ‘realizzare’ la mia proposta…”. E alla fine riuscì ad incontrarlo? “No, non si fece più nulla”, spiega la Staller.

LA RICHIESTA DEL CONTRATTO

Tornando allo ‘Zar’ russo, secondo lei se gli comunicassero le sue intenzioni potrebbe accettare? “La mia è una proposta intelligente, seria e concreta – precisa Cicciolina – non una cosa indecente per ricevere del denaro. Bisognerebbe firmare un contratto di pace, davanti a dei testimoni, la mia è una proposta per arrivare alla pace”.
]]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it>

L’articolo Cicciolina: “Ho offerto a Putin una notte di sesso per fermare la guerra in Ucraina” proviene da Ragionieri e previdenza.

Desideri: “Notificata la diffida per Impegno Civico a Di Maio e Tabacci”

ROMA – “Ieri i nostri avvocati hanno notificato, presso gli uffici ministeriali, dopo la presentazione del simbolo di Impegno Civico, a Di Maio e Tabacci, formale diffida a presentare le liste di Impegno Civico, comunicando inoltre agli stessi che in caso di presentazione delle liste sarà immediatamente presentato ricorso nei termini di legge. Speriamo sinceramente…

Afghanistan, Kamal Fakhruddin: “Quanti errori, ora è il baratro”

ROMA – È stata una storia segnata da “tanti errori e da scelte amare”, sia da parte della Nato che del Governo afghano, quella che è culminata con l’ingresso a Kabul e la presa del potere da parte dei talebani il 15 agosto 2021. Adesso, con i miliziani alla guida del Paese, l’orizzonte sembra essere…

L’Afghanistan a un anno dalla presa dei talebani. Il racconto di Fondazione Pangea Onlus

ROMA – “Del 15 agosto di un anno fa ricordiamo tutto: l’ansia, la paura, le decisioni difficili e fondamentali da prendere, in poco tempo. La priorità di Pangea è stata proteggere le attiviste e le beneficiarie di vent’anni di lavoro in Afghanistan. Abbiamo bruciato i documenti, bloccato l’ufficio di Kabul ed evacuato il personale. Poi…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: