Caro bollette, De Lise (commercialisti): tramutare incrementi in credito di imposta

La proposta dell’Ungdcec: un ‘energy credit’ per contrastare aumenti

“Sul caro bollette l’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili è pronta a lanciare una proposta elaborata dalle commissioni che si occupano di fisco.

L’idea è quella di tramutare una percentuale degli incrementi, sulla base delle disponibilità finanziarie e degli appostamenti di bilancio, in un credito di imposta che andrebbe a compensare i debiti erariali o contributivi di maggio e giugno”. Lo afferma Matteo De Lise, presidente dell’Ungdcec.
“Non sarebbe un aiuto a pioggia, come avvenuto in passato, ma un ‘energy credit’ che si andrebbe a generare a seguito della presentazione di un’apposita istanza telematica”, evidenzia De Lise. “Le imprese e i professionisti potranno certificare, grazie all’apposizione di un visto da parte di un dottore commercialista, il costo medio mensile sostenuto durante il primo trimestre del 2019 per l’energia elettrica, confrontandolo entro il 30 aprile con il costo medio mensile sostenuto nel primo trimestre 2022”.
L’auspicio del presidente dei giovani commercialisti è che “la proposta arrivi a breve sui tavoli politici. Non vogliamo sottrarci dal dare un contributo alla ripresa del Paese, forti del fatto che, come professionisti, tocchiamo con mano le difficoltà a cui devono far fronte imprese, attività commerciali e studi professionali, che vedono i costi operativi legati all’energia incrementarsi in maniera esponenziale”.

I genitori di Fabio Gianfreda agli studenti: “Alzate lo sguardo dallo schermo”

ROMA – Fabio aveva 19 anni e si era appena diplomato al liceo linguistico. Era innamorato della musica, dei suoi amici e del teatro. Preparava il test di accesso per l’accademia di arte drammatica, ma il Covid e l’isolamento hanno spento sempre più il suo entusiasmo. Dopo mesi di silenzio, Fabio si è tolto la…

A Bolzano scoperto un maxi crematorio preistorico risalente all’età del Bronzo

MILANO – Un inedito luogo di culto funerario, un vero e proprio crematorio di salme risalente all’Età del Bronzo (1150-950 ca a.C.) è stato scoperto a Salorno (Bolzano). La quantità di resti bruciati potrebbe anche rivelare una nuova modalità funeraria, non comune nell’età del Bronzo. La ricerca, pubblicata su “Plos One”, è stata realizzata da…

Scuola, via al concorso straordinario. Ecco chi può partecipare

ROMA – Al via le procedure per partecipare al concorso straordinario su posto comune per i docenti della scuola secondaria di primo e di secondo grado che abbiano svolto almeno tre anni di servizio nelle istituzioni scolastiche statali, anche non consecutivi, a decorrere dall’anno scolastico 2017/2018 ed entro il termine di presentazione delle istanze di…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: