Balneari, maggioranza: proroga delega governo riforma concessioni

L’allungamento dei tempi di circa tre mesi sarà probabilmente inserita nel decreto milleproroghe

Roma, 24 gen. (askanews) – Non ci sarà una proroga delle concessioni per i balneari, in scadenza al 31 dicembre 2023, ma una proroga della delega al governo per la riforma del settore, che altrimenti scadrebbe in 27 febbraio 2023. E’ quanto è stato deciso durante l’incontro di maggioranza con il ministro per gli affari europei, Raffaele Fitto.

Come si legge in una nota, infatti, “nell’incontro di oggi il governo ha illustrato alla maggioranza le ultime novità emerse dall’ordinanza della Corte di giustizia europea del 16-01-2023, che ha deciso di statuire senza trattazione orale sul rinvio pregiudiziale proposto dal TAR Lecce. Si è convenuto di istituire un tavolo interministeriale, nonché di aprire un immediato confronto con le categorie e le istituzioni interessate. Pertanto è necessaria una proroga per l’esercizio da parte del governo della delega”.

Una ulteriore proroga delle attuali concessioni balneari non sarebbe accettata dalla Commissione europea, che ha già messo sotto infrazione l’Italia per il mancato rispetto della direttiva Bolkenstein nella liberalizzazione del settore. Il governo prende quindi la strada della proroga della delega per la riforma delle concessioni demaniali marittime, lacuali e fluviali rispetto ai termini previsti dalla legge sulla concorrenza (legge 188 del 2022). In base a quest’ultimo provvedimento l’esecutivo avrebbe dovuto emanare entro il 27 febbraio 2023 i decreti attuativi della riforma delle concessioni balneari. Con la decisione adottata oggi, il governo inserirebbe, probabilmente nel decreto legge milleproroghe all’esame del Senato, un allungamento dei tempi, che potrebbe essere di tre mesi, per l’esercizio della delega e l’adozione dei decreti.

VIDEO | Al Lago di Ledro dopo due anni torna il Tuffo della Merla, è un successo

BOLOGNA – "Ci sono solo 5 gradi, niente di che". Questa frase riassume bene lo spirito ‘pazzo’ e temerario alla base del tradizionale "tuffo della merla" nelle acque (solitamente ghiacciate) del lago di Ledro negli ultimi giorni di gennaio. L’iniziativa, che in Trentino Alto Adige ha una storia ormai consolidata, è andata in scena nuovamente

Il Papa in partenza per il Congo, l’appello: “C’è un buco nero dell’informazione, il mondo apra gli occhi”

ROMA – Rompere il silenzio sui conflitti armati in Congo, un Paese vittima della propria stessa ricchezza, coltan, cobalto e "terre rare", sulle quali vogliono mettere le mani governi e multinazionali dell’industria elettronica: è l’appello che arriva da Roma, a pochi giorni dalla visita apostolica a Kinshasa di Papa Francesco. Le voci sono quelle di

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen. (askanews) - E' morto Ludovico Di Meo, giornalista con una lunga carriera in Rai, direttore generale di San Marino Rtv. Così il sito dell'emittente ha comunicato la notizia: "Una notizia che sconvolge la San Marino Rtv. Questa mattina, a Roma, è morto il direttore generale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: