Antonio Onorato presenta il suo nuovo album “Lakota Blues”

Appuntamento venerdì 27 gennaio a Napoli presso il Chiostro di Santa Maria La Nova

Sonorità blues e jazz mischiate con quelle dei Nativi Americani sono il filo conduttore delle tracce di “Lakota Blues” il nuovo album del chitarrista Antonio Onorato, che presenterà la sua ultima fatica discografica venerdì 27 gennaio alle ore 17.30 nelle Sale di Santa Maria La Nova, 43 a Napoli.

L’evento è organizzato con la collaborazione Città Metropolitana di Napoli, Associazione Culturale Premio Elsa Morante e 3C, il coordinamento dei comunicatori di cultura.

Nel corso della presentazione, ad ingresso gratuito, il chitarrista ne discuterà con la giornalista, Tjuna Notarbartolo e il direttore della RAI di Napoli, Antonio Parlati.

“Chitarre elettriche crunch e distorte, ma anche l’immancabile breath guitar, che rimanda ai suoni ancestrali ed etnici del flauto dei pellerossa, caratterizzano fortemente il sound di questo mio nuovo lavoro discografico”, spiega il chitarrista e compositore che in “Lakota Blues” si lascia andare al fraseggio fluido e in alcuni punti drammatico che si snoda attraverso brani come quello che da nome all’album, ma anche in Guitar crying, Sad blues, e allo stesso tempo regalandoci incursioni stilistiche tipicamente onoratiane in brani come Lemon Leaves “scale lidie a fronn ‘e limone”.

Tra le tracce dell’album anche una dedica al grande chitarrista blues Eric Clapton con la rock/ballad “For Eric”.

Antonio Onorato ha una carriera artistica trentennale nel mondo della musica. È uno dei pochi italiani ad aver tenuto un proprio concerto al Blue Note di New York, tempio storico del jazz internazionale. L’utilizzo della breath guitar e il fraseggio jazz “napoletano” lo rendono unico nel panorama musicale mondiale.

Musicista eclettico, spazia dal jazz-rock, alla world music, fino alla composizione per orchestra. Studioso di etnomusicologia, la sua ricerca si basa sulla fusione degli stilemi armonico-melodici del linguaggio della musica napoletana con la musica afro-americana, medio-orientale e brasiliana che lo hanno portato ad individuare un linguaggio del tutto personale.

Ambasciatore della cultura italiana all’estero, ha portato la propria musica “italiana” in tutto il mondo, suonando in Cile, Brasile, Stati Uniti, Messico, Angola, Uganda, Marocco, Tunisia, Iraq, Turchia, Inghilterra, Danimarca, Svizzera, Albania, Slovenia.

“Lakota Blues” sarà disponibile dal 27 gennaio su tutte le piattaforme digitali.

VIDEO | Al Lago di Ledro dopo due anni torna il Tuffo della Merla, è un successo

BOLOGNA – "Ci sono solo 5 gradi, niente di che". Questa frase riassume bene lo spirito ‘pazzo’ e temerario alla base del tradizionale "tuffo della merla" nelle acque (solitamente ghiacciate) del lago di Ledro negli ultimi giorni di gennaio. L’iniziativa, che in Trentino Alto Adige ha una storia ormai consolidata, è andata in scena nuovamente

Il Papa in partenza per il Congo, l’appello: “C’è un buco nero dell’informazione, il mondo apra gli occhi”

ROMA – Rompere il silenzio sui conflitti armati in Congo, un Paese vittima della propria stessa ricchezza, coltan, cobalto e "terre rare", sulle quali vogliono mettere le mani governi e multinazionali dell’industria elettronica: è l’appello che arriva da Roma, a pochi giorni dalla visita apostolica a Kinshasa di Papa Francesco. Le voci sono quelle di

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen. (askanews) - E' morto Ludovico Di Meo, giornalista con una lunga carriera in Rai, direttore generale di San Marino Rtv. Così il sito dell'emittente ha comunicato la notizia: "Una notizia che sconvolge la San Marino Rtv. Questa mattina, a Roma, è morto il direttore generale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: