Amitrano (M5s), Viminale agisca subito sull’ordigno esploso a Napoli

NAPOLI – “L’esplosione di un ordigno a Ponticelli è un fatto di una gravità inaudita: chiedo al Viminale di intervenire per assicurare da subito più controllo del territorio in tutta la città e la provincia.

Serve un cambio di passo contro la camorra, in termini di strategie e investimenti, perché evidentemente ciò che è stato fatto fino ad ora non è sufficiente”.

E’ quanto chiede il deputato Alessandro Amitrano (M5s), secondo il quale “le buone intenzioni o gli annunci non bastano più. Tra i cittadini c’è paura, inquietudine, rassegnazione, e tutto ciò è inaccettabile.

Lo Stato faccia sentire la sua presenza in modo visibile, duraturo e costante, perchè alcuni territori sono di fatto sotto il controllo dei clan della camorra”.

“Il governo – ha aggiunto Amitrano – deve mettere al centro della sua agenda politica il contrasto ad ogni forma di criminalità.

In Parlamento ci batteremo per sollecitare forti interventi a favore del territorio napoletano che favoriscano strategie di prevenzione e contrasto”.

VIDEO | FOTO | Un weekend in Franconia tra birrifici, storia e magia del Natale – tappa 1: Bayreuth

BOLOGNA – Se si pensa alla Franconia e a Norimberga vengono subito in mente la birra, i wurstel e, dal punto di vista storico, il processo ad alcuni esponenti del nazismo che tra il novembre 1945 e l’ottobre 1945 pose la città al centro dei riflettori nel mondo intero. Ma questa parte della Baviera conta anche…

Lo ius scholae è alla Camera, destra sul piede di guerra. Lega: “Pd mette in difficoltà il governo”

ROMA – Il testo dello ius scholae per la riforma della legge sulla cittadinanza è stato chiuso nella serata di ieri in Commissioni Affari Costituzionali e ora è pronto ad andare in aula alla Camera per essere discusso. Ma l’approdo del testo, salutato dal Pd e sinistra con ripetuti “finalmente” e l’esortazione ad approvarlo, fa…

Su estradizione di Assange ancora molto da fare, un incontro alla Dire

ROMA – Cosa si può fare ancora per Julian Assange, il giornalista e attivista australiano, fondatore della piattaforma Wikileaks, che potrebbe essere estradato da un momento all’altro dalla Gran Bretagna negli Stati Uniti, dove ad attenderlo c’è il rischio di scontare in carcere 175 anni per reati connessi allo spionaggio? Se lo chiede l’agenzia internazionale…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: