A24/25, Salvini non riceve i sindaci di Lazio e Abruzzo: convocato un tavolo urgente

di Marianna Gianforte

L’AQUILA – C’è sconcerto tra i sindaci del comitato che vede insieme 116 tra primi cittadini, amministratori e presidenti di Provincia nonché rappresentanti di Anci e Acli di Lazio e Abruzzo da cinque anni (dal 3 gennaio 2018) uniti in un fronte politicamente trasversale per risolvere l’annosa questione del ‘caro pedaggi’ e della messa in sicurezza delle tratte autostradali A24 e A25. Due tratte che attraversano diversi Comuni, per lo più di medie o piccole dimensioni, tra il Lazio e l’Abruzzo, e da poco passate da gestione privata (di Strada dei Parchi del gruppo industriale Toto) allo Stato (Anas) con un provvedimento del Governo Draghi. Lo sconcerto è dovuto alla “fuga in avanti” del ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini che oggi pomeriggio ha incontrato, con una iniziativa informale definita dai protagonisti della battaglia “un gesto da capo di partito più che da titolare di un ministero che deve rappresentare tutte le posizioni”, alcuni amministratori leghisti accolti direttamente al ministero: il presidente della Provincia di Rieti e sindaco di Borgorose Mariano Calisse, il vicesindaco di Casape Giuseppe Serratore, il sindaco di Ortona dei Marsi Giuseppe Buccella, il sindaco di Fagnano Alto Francesco D’Amore. Soltanto due di questi rientrano nel comitato degli amministratori. Ha partecipato anche la consigliera regionale abruzzese della Lega Antonietta La Porta. Secondo quanto emerso dall’incontro, l’intento sarebbe di organizzare una riunione allargata a tutti gli altri amministratori prima della fine dell’anno perché Salvini vorrebbe prima studiare in modo approfondito il dossier da un punto di vista tecnico e amministrativo. La decisione, però, da parte del ministro del Mims, di bypassare le due lettere ufficiali del comitato dei sindaci (tramite pec del Comune di Carsoli, la cui sindaca Velia Nazzarro è la referente e portavoce del gruppo) con la richiesta di un incontro, ha irritato i sindaci ignorati. Di qui la decisione di riunirsi entro questo pomeriggio per un tavolo urgente che si terrà nella sala consiliare di Carsoli, dal quale dovrebbe uscire una nota congiunta sulla vicenda.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

VIDEO | Al Lago di Ledro dopo due anni torna il Tuffo della Merla, è un successo

BOLOGNA – "Ci sono solo 5 gradi, niente di che". Questa frase riassume bene lo spirito ‘pazzo’ e temerario alla base del tradizionale "tuffo della merla" nelle acque (solitamente ghiacciate) del lago di Ledro negli ultimi giorni di gennaio. L’iniziativa, che in Trentino Alto Adige ha una storia ormai consolidata, è andata in scena nuovamente

Il Papa in partenza per il Congo, l’appello: “C’è un buco nero dell’informazione, il mondo apra gli occhi”

ROMA – Rompere il silenzio sui conflitti armati in Congo, un Paese vittima della propria stessa ricchezza, coltan, cobalto e "terre rare", sulle quali vogliono mettere le mani governi e multinazionali dell’industria elettronica: è l’appello che arriva da Roma, a pochi giorni dalla visita apostolica a Kinshasa di Papa Francesco. Le voci sono quelle di

Morto Ludovico Di Meo. Ex Rai, era direttore generale di San Marino Rtv

Condusse al Tg1 l'edizione straordinaria dell'11 settembre Roma, 29 gen. (askanews) - E' morto Ludovico Di Meo, giornalista con una lunga carriera in Rai, direttore generale di San Marino Rtv. Così il sito dell'emittente ha comunicato la notizia: "Una notizia che sconvolge la San Marino Rtv. Questa mattina, a Roma, è morto il direttore generale
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: