A Genova monta la protesta: “No green pass e no fascisti”

a-genova-monta-la-protesta:-“no-green-pass-e-no-fascisti”

GENOVA – Sono tre i principali fronti di protesta contro l’introduzione dell’obbligo di green pass nel mondo del lavoro che si sono aperti stamattina a Genova. I primi due, all’alba, sono scattati davanti ai varchi portuali del Psa a Pra’ e di ponte Etiopia a Sampierdarena: presidi pacifici, che al momento non comportano il blocco delle banchine, ma solo deviazioni al traffico in entrata per quanto riguarda il porto vecchio. La protesta dei lavoratori portuali ha l’appoggio dell’Usb che, tuttavia, per ragioni sindacali, non ha potuto proclamare lo sciopero per oggi, rimandandolo al 25 e 26 ottobre. Per prendere inequivocabilmente distanza dai fatti di Roma, davanti al varco Etiopia è stato srotolato lo striscione: “No green pass, no fascisti”. Ieri, inoltre, 68 lavoratori del Psa hanno inviato una diffida all’azienda contro l’applicazione della normativa nazionale sul green pass.

Il terzo fronte di protesta è quello del centro cittadino, con un centinaio di attivisti di “Libera Piazza Genova” che, dalle 8.30, si sta concentrando sotto la Prefettura. Numeri al momento molto più contenuti rispetto alle partecipate proteste dei giorni scorsi. L’idea dei manifestanti sarebbe quella di spostarsi dalla Prefettura per andare a “dare supporto a ogni gruppo in mobilitazione”, ma per ora aspettano di rinfoltire i ranghi. Previsto anche un presidio Ugl davanti alla sede Amt di via Bobbio.

LEGGI ANCHE: Green pass, a Bologna in 2mila in piazza contro la “schiavitù anticostituzionale”

IL PREFETTO RICEVE UNA DELEGAZIONE DELLA PROTESTA

Una delegazione dei no green pass che sta protestando sotto la Prefettura di Genova sarà ricevuta dal prefetto. Intanto, è cresciuto il numero dei manifestanti che ora sfiora le trecento unità. Tra bandiere della Cub e attivisti di “Libera Piazza Genova”, ci sono anche rappresentanti degli studenti universitari, dipendenti pubblici e lavoratori delle ferrovie. Alcuni coristi del Teatro Carlo Felice intonano l’inno di Mameli, cantato a squarciagola dalla piazza.

La protesta si sta dividendo in due tronconi, con un presidio che rimarrà sotto il palazzo locale del governo e un altro gruppo che si sposta in corteo per unirsi al blocco dei portuali davanti al varco Etiopia.

MONTA LA PROTESTA, BLOCCATO IL LUNGOMARE CANEPA

Con l’arrivo di un nutrito gruppo di manifestanti dal presidio sotto la Prefettura, si allarga la protesta dei no green pass davanti ai varchi portuali di Genova. Circa 500 persone hanno bloccato la viabilità in lungomare Canepa, davanti al varco Etiopia che era presidiato fin dalle prime ore della mattina. I manifestanti hanno bloccato anche il varco Albertazzi, a San Benigno, che interessa pure l’accesso ai traghetti. Resta anche il presidio al Psa di Pra’, dove però il varco rimane operativo. Intanto, il presidio dei lavoratori di Amt davanti alla sede di via Bobbio ha bloccato la viabilità, creando disagi alla circolazione in zona Staglieno.

LEGGI ANCHE: Sit-in a Firenze: “No al green pass e alle strumentalizzazioni”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo A Genova monta la protesta: “No green pass e no fascisti” proviene da Ragionieri e previdenza.

Giornata contro Aids, test hiv e consulenze gratis al Checkpoint Plus di Roma: oltre 400 in 27 giorni

ROMA – Ben 411 test effettuati a 180 utenti nei 27 giorni di apertura nel periodo fra il 6 luglio e il 9 novembre 2021. Sono questi i numeri del primo semestre di lavoro del ‘Checkpoint Plus’ per la diagnosi precoce dell’hiv, realizzato in via Isernia 4, a Roma, dalla Azienda pubblica di servizi alla…

Le prime pagine dei quotidiani di Mercoledì 1 Dicembre 2021

LE PRIME PAGINE DEI QUOTIDIANI CORRIERE DELLA SERALA REPUBBLICAIL SOLE 24 ORELA STAMPAIL MESSAGGEROIL GIORNALEAVVENIREIL FATTO QUOTIDIANOIL TEMPOIL MATTINOIL SECOLO XIXIL GIORNOIL MANIFESTOIL DUBBIOLA DISCUSSIONECORRIERE DELLO SPORTLA GAZZETTA DELLO SPORTTUTTOSPORT RIPRODUZIONE RISERVATA Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it L'articolo Le…

Il ministro israeliano: “Tre dosi di vaccino Pfizer proteggono dalla variante Omicron”

ROMA – “I primi dati mostrano che con 3 dosi di vaccino Pfizer si è protetti dalla variante Omicron”. Lo ha annunciato il ministro della sanità di Israele, Nitzan Horowitz. Citato dal ‘Times of Israel’, l’esponente del governo ha precisato che “la situazione è sotto controllo e non c’è motivo di panico. Ci aspettavamo una nuova…